PartannaLive.it


Partanna, “assenteista” reintegrato al lavoro: annullato il licenziamento. Le dichiarazioni del sindaco

Partanna, “assenteista” reintegrato al lavoro: annullato il licenziamento. Le dichiarazioni del sindaco
26 luglio
16:57 2017

PARTANNA. Sarà reintegrato al lavoro. Nicolò Accardo, dopo il licenziamento avvenuto nel 2015 sarà riammesso al lavoro. L’uomo, 64 anni, di Partanna era stato condannato nel 2012 alla pena di giustizia per i reati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, truffa ai danni di un ente pubblico e peculato d’uso, in relazione a vari episodi di assenteismo consumati, secondo l’ipotesi accusatoria, nella qualità di messo notificatore alle dipendenze del Comune di Partanna. Accardo, era stato segnalato ai Carabinieri di Partanna, con un esposto anonimo.  Una segnalazione che aveva fatto scattare delle indagini a carico dell’uomo, il quale sulla base dei servizi di osservazione diretta ad opera degli investigatori, era stato più volte sorpreso per una settimana “recarsi a casa propria, portandovi la spesa, le buste di acquisti effettuati, le compere di formaggi locali, entrando in abitazione e trattenendovisi dentro per intere mezzore, amabilmente conversando con i figli e facendo, come suol, gli affari propri durante l’orario di servizio, addirittura lasciando fuori in sosta la macchina del Comune, salvo prelevare la propria, uscire e poi far ritorno in casa” (pagina 4 della sentenza di appello).

Il fenomeno di assenteismo, tuttavia, si è protratto per non oltre 30 minuti al giorno e per soli sei giorni per un danno erariale come si evince dalle conclusioni tecnico contabili,  pari a  743,50 è eccessiva, non superando il pregiudizio reale per il Comune i 50 euro a cui va aggiunto il danno di funzionalità del servizio di notificazione. Inoltre da quanto esposto dalla difesa nel ricorso in Cassazione le mansioni esercitate dall’Accardo, che dovevano essere svolte fuori dagli uffici comunali, sicchè egli non doveva attestare gli ingressi e le uscite dalla sede lavorativa…e che la collocazione dell’auto parcheggiata nei pressi dell’abitazione dell’imputato non dimostra alcunché, poiché l’imputato abitava ad appena 290 metri dall’ufficio dei messi comunali, per cui la sosta dell’auto davanti casa non esclude la contestuale presenza in ufficio e che i rientri a casa erano riconducibili a problemi di salute dell’imputato, come dimostrato da un verbale di invalidità e da numerosi testi.

Accardo in un primo momento, in attesa della conclusione del processo penale, era stato sospeso dal lavoro, salvo poi essere licenziato dopo l’esito di giudizio.

L’uomo sarà ora riammesso. Le regole anti-assenteismo integrate nel decreto Brunetta, che attuano la parte della delega sulla Pa relativa al procedimento disciplinare e prevedono il licenziamento sono relativamente  recenti e non retroattive. Nel 2007 anno in cui avvenne il fatto, il licenziamento non era contemplato. Il reclamo presentato da Accardo alla Corte d’Appello di Palermo è stato quindi accolto. Il Comune di Partanna dovrà reintegrare il dipendente e corrispondergli lo spettante stipendio dal 2015 ad oggi, a cui si aggiungono gli interessi, i contributi e spese legali per un totale di circa 40 mila euro. Il Comune potrebbe presentare il ricorso in Cassazione ma pare non ci siano i margini per opporsi. Il sindaco, Nicola Catania da parte sua chiosa: “ Ho letto la sentenza e mi sembra molto chiara e puntuale! In ogni caso spetta agli uffici e al legale fare le dovute valutazioni da proporre alla Amministrazione!!! Per quanto mi riguarda esprimo compiacimento per la riammissione al lavoro di un dipendente che nel corso del mio mandato si è rivelato essere un valido diretto collaboratore disponibile e che ha sempre lavorato con abnegazione!”

 

 

 

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE