Lega Navale e Capitaneria di Porto presentano la card del diportista per la sicurezza in mare

Presentata oggi a Mazara del Vallo la nuova “card del diportista”, ideata dalla locale Capitaneria di porto e realizzata congiuntamente alle Sezioni di Torretta Granitola e di Mazara del Vallo della Lega Navale Italiana.

L’iniziativa si inserisce a pieno titolo nell’ambito della stretta collaborazione che il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e la Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana hanno avviato da tempo e che dà seguito ad un altro importante appuntamento che si ripete negli anni, quale la “Giornata nazionale della sicurezza in mare”, quest’anno organizzata a Mazara del Vallo lo scorso 28 aprile, con lo scopo di divulgare i valori, i principi, le regole della sicurezza in mare, affinché si diffonda una vera e propria cultura del mare e dell’ambiente marino in generale.

In questo contesto, è nata l’idea di realizzare e distribuire a tutti i diportisti una card informativa che richiamasse l’attenzione su quelle che sono le precauzioni basilari da osservare prima di intraprendere la navigazione, nella consapevolezza che la sicurezza in mare inizia in banchina.

La “card” è stata considerata la soluzione ideale per consentire al diportista di avere sempre a portata di mano, nei documenti personali o in quelli di bordo, un vero e proprio vademecum con i dieci consigli più importanti in materia di sicurezza della navigazione.

Grande soddisfazione per l’avvio dell’iniziativa in questione hanno manifestato entrambi i presidenti delle Sezioni della Lega Navale di Torretta Granitola e di Mazara del Vallo, i quali hanno aderito con entusiasmo, fin dal primo istante, all’invito della Capitaneria di porto di sviluppare un’idea originale che contribuisse materialmente a divulgare quella cultura dell’andar per mare in sicurezza che, appunto, deve necessariamente iniziare in banchina.

“Un buon diportista non è quello che ha la barca più grande o colui che si spinge più al largo – ha ribadito il Comandante della Capitaneria di porto di Mazara del Vallo Capitano di Fregata (CP) Giuseppe Giovetti – un diportista bravo è chi ha la passione del mare, lo ama, lo rispetta, chi è consapevole dei rischi che si possono correre andando per mare e conosce i propri limiti e quelli della sua imbarcazione. Il messaggio che si vuole dare è che la sicurezza inizia in banchina, attraverso il controllo delle dotazioni di bordo, dei documenti, degli apparati radio, il calcolo del carburante necessario per la tratta programmata, informandosi sulle condizioni meteo-marine e su eventuali Ordinanze emanate dalle Autorità Marittime.”

Sulla card del diportista, oltre ai loghi istituzionali di Guardia Costiera e Lega Navale, è stato raffigurato anche l’emblema del “1530”, il numero blu per le emergenze in mare che gratuitamente, anche da telefono cellulare, consente di contattare direttamente la Capitaneria di porto più vicina alla chiamata di soccorso.

Comunicato stampa

Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo

Commenta qui: