Ospedale Castelvetrano: si aggiunge un nuovo medico in ginecologia e al Pronto soccorso

CASTELVETRANO. Novità per l’ospedale di Castelvetrano. Tra i nuovi medici a prendere servizio al nosocomio della città è un nuovo ginecologo. Dei nuovo ginecologi ed ostetrici, assunti, oggi 22 agosto, quattro hanno scelto il punto nascita del Sant’Antonio Abate di Trapani, tre quello di Marsala, uno Mazara del Vallo e uno quello di Castelvetrano. Due ginecologi hanno scelto invece il territorio, indicando i consultori di Marsala e della Cittadella della Salute a Erice Valle.

Proprio ieri altri medici, quattro specialisti in medicina d’accettazione e d’urgenza, hanno firmato il proprio contratto a tempo indeterminato per prestare servizio nei pronto soccorso dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani. Su richiesta del commissario dell’Asp, Giovanni Bavetta, i quattro medici lavoreranno, per un determinato periodo, al pronto soccorso di Castelvetrano nonostante per tre di loro la sede di lavoro scelta sia diversa.

«Ho chiesto a tutti i colleghi dei pronto soccorso neo assunti – ha aggiunto Bavetta- di prestare servizio in questo momento all’ospedale di Castelvetrano, vista la grave difficoltà di personale in cui si è venuto a trovare il reparto negli ultimi mesi, e hanno tutti accettato. Dobbiamo mettere a regime tutti i pronto soccorso della provincia secondo un unico modello organizzativo, a anche Castelvetrano avrà al più presto, l’OBI, l’osservazione breve intensiva e l’astanteria. Perché tutti gli operatori possano così lavorare nella massima serenità e senza rischi, così da assistere i cittadini nel modo più appropriato. Nei prossimi giorni firmeranno altri quattro medici di pronto soccorso e altri due cardiologi: il treno ormai è partito».

È stato lo stesso commissario dell’Asp, Giovanni Bavetta, a dare il benvenuto ai ginecologi: «Da collega ginecologo pretenderò il massimo da voi. Non è una vita facile quella del ginecologo, ma è emozionante, ed è probabilmente l’aspetto più completo che si pone la sanità nei confronti della società. Opereremo in sinergia tra i vari reparti, attraverso precisi protocolli e obiettivi e ciascuna unità operativa, oltre all’attività propria dei punti nascita, sarà specializzato in qualcosa in particolare, così da offrire un’assistenza a 360 gradi per tutto il territorio».

Per l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi: «Questi nuovi apporti contribuiranno a coprire tutti i bisogni delle donne di questa provincia, a cui dobbiamo dare l’opportunità gratuita di poter effettuare qualunque diagnosi, consulenza o intervento, anche attraverso il potenziamento dei consultori, o l’istituzione di un centro per la menopausa, a tutela della salute dell’infanzia, della donna e della famiglia. Il pubblico deve essere in grado di soddisfare qualunque loro esigenza, e credo che i vertici aziendali stiano operando in questo senso»

I 13 nuovi dirigenti medici prenderanno servizio nei rispettivi reparti dall’1 al 15 settembre.

Commenta qui: