PartannaLive.it


Salemi, donazione degli organi al rinnovo della Carta di Identità

Salemi, donazione degli organi al rinnovo della Carta di Identità
15 agosto
20:01 2017

SALEMI. Il Comune di Salemi ha detto si alla possibilità di inserire sulla Carta di Identità il consenso o il diniego alla donazione di organi o di tessuti in caso di morte.

Al momento della richiesta o del rinnovo del documento, i cittadini potranno esprimere la propria volontà favorevole o contraria alla donazione. La propria posizione sarà  registrata dall’ufficiale dell’anagrafe e inviata al alla banca dati unica del Sistema informativo trapianti (SIT), che viene consultata 24 ore su 24 dai centri per i trapianti.

Ogni cittadino può, ovviamente, modificare in qualsiasi momento la dichiarazione annotata.

Il progetto “Carta d’identità-Donazione Organi”, in esecuzione del programma “Una scelta in Comune” – messo a punto dal Ministero della Salute, dal Ministero degli Interni, e dal Centro Nazionale Trapianti lanciato in ogni Comune può essere accolto o respinto. La Giunta, riunita l’8 agosto considerato che la donazione di Organi e tessuti rappresenta un gesto di elevato valore sociale, senso civico e di rispetto per la vita ha accolto favorevolmente il progetto.

Il comune ha già chiesto al Centro Nazionale Trapianti l’attivazione della procedura. La dichiarazione di volontà potrà essere espressa a partire dal 14 settembre 2017 compilando dei moduli in cui viene espressa il consenso (si) o il diniego (no) alla donazione. Il personale dell’ufficio anagrafe ha seguito un apposito corso di formazione a cura della dottoressa Solombrino.

La donazione rappresenta per uno o più pazienti, in molti casi in fin di vita, la possibilità di guarire e riprendere una vita normale.

Quali organi e tessuti possono essere donati dopo la morte?

ORGANI: cuore, reni, fegato, polmoni, pancreas e intestino.
TESSUTI: pelle, ossa , tendini, cartilagine, cornee, valvole cardiache e vasi sanguigni.
Un donatore unico può, quindi, aiutare più pazienti.

Quali organi e tessuti possono essere donati da donatore vivente?

ORGANI: rene e parte del fegato.
TESSUTI: midollo osseo, cute, placenta, segmenti osteo-tendinei, cordone ombelicale.

Quando avviene la donazione di organi?

La donazione di organi e tessuti può avvenire soltanto in seguito a diagnosi di morte con criteri neurologici e se il defunto ha espresso in vita la volontà a diventare donatore. Può aver parlato con i famigliari, depositato la sua volontà presso gli sportelli ASL attivi per la registrazione delle dichiarazioni di volontà, oppure aver conservato tra i documenti che portava nel portafoglio una nota scritta.

Vengono categoricamente esclusi da qualsiasi tipo di prelievo pazienti con:

  • sieropositività da HIV1 o 2 (per maggiori informazioni, consulta la pagina “Persone affette da HIV“);
  • positività contemporanea ad epatite B e D;
  • tumori maligni in atto (tranne alcune precise eccezioni);
  • infezioni sistemiche sostenute da microorganismi per i quali non esistono opzioni terapeutiche praticabili;
  • malattie da prioni accertate.

È possibile decidere in vita a chi verranno donati i propri organi ?

No, gli organi vengono assegnati ai pazienti in lista di attesa in base alle condizioni di urgenza ed alla compatibilità clinica ed immunologica del donatore con i pazienti in attesa di trapianto.

Quanto costa ricevere un organo?

Nulla. I costi del trapianto sono totalmente a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

I dati sono stati estratti dal sito ufficiale del Ministero della Salute

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE