PartannaLive.it


Cos’è Cambia Partanna? intervista al segretario Davide Traina

Cos’è Cambia Partanna? intervista al segretario Davide Traina
24 settembre
18:20 2017

PARTANNA. Partannalive ha intervistato Davide Traina, segretario dell’associazione politico-culturale Cambia Partanna, una nuova realtà nata dall’aggregazione di alcuni giovani di cui abbiamo già parlato negli scorsi giorni (http://www.partannalive.it/2017/09/nasce-cambia-partanna-francesco-cusenza-e-il-neo-presidente/)

Insieme a Davide, sposato e da poco papà, esperto nel campo della nutrizione, nel corso dell’intervista abbiamo affrontato diversi argomenti.

Davide, innanzitutto la prima cosa che vorremmo chiederti è che cosa è Cambia Partanna e chi sono le persone che ne fanno parte?

Cambia Partanna è semplicemente un’associazione politico-culturale costituita da un gruppo di partannesi che vogliono contribuire affinché possa realizzarsi uno sviluppo sostenibile di cui la nostra città necessita.

Già nel nome che avete scelto per la vostra associazione c’è in un certo senso una dichiarazione di intenti: perché questo nome e da dove nasce l’idea?

Il nome è stato proposto e scelto dai fondatori dell’associazione perché è in grado di veicolare il desiderio e la necessità di contribuire al cambiamento. Cambia Partanna vuole prima di tutto chiamare a raccolta tutti coloro che credono che la nostra città possa ambire ad un futuro migliore.

Penso che siate consapevoli che, da quello che si può capire a prima vista, si tratta di un’esperienza di aggregazione molto interessante, forse mai vista a Partanna, sia per il tipo di soggetti che la promuovono, che per le modalità: quali sono gli obiettivi che vi ponete?

È una collaborazione che parte da cittadini partannesi con l’obiettivo di coinvolgere la nostra comunità nel dialogo, nella costruzione di idee-progetto e soprattutto nella messa in pratica di queste idee-progetto. Si parte dall’identità, dalla storia e dalle criticità che caratterizzano la nostra Partanna, per sviluppare insieme un percorso di crescita sostenibile, con aderenza identitaria al nostro territorio ma anche con la volontà di puntare a scenari innovativi che guardino ad un futuro florido per la nostra città.

Questo dal punto di vista teorico, ma molti iniziano a chiedersi in che modo potrà esplicitarsi la vostra azione in città. Quali sono le prossime iniziative che avete in cantiere?

In questo momento ci stiamo incontrando regolarmente e stiamo portando avanti una fase di analisi e di studio del territorio. Vogliamo promuovere iniziative che facciano da fulcro per lo studio delle criticità della nostra comunità così che esse possano essere affrontate avendo chiare e tangibili quali siano le problematiche e quali debbano essere le soluzioni. Queste iniziative avranno come protagonisti i cittadini, gli imprenditori e le parti sociali ovvero i protagonisti dell’identità, della storia e della quotidianità partannese.

Passiamo a domande un po’ più spinose… Molti dei componenti hanno avuto in passato o hanno attualmente esperienze politiche, alcune delle quali molto diverse fra loro: qual è la collocazione politica dell’associazione?

Ritengo che l’associazione non abbia una precisa collocazione politica. E credo proprio che ciò possa essere un vantaggio per il nostro gruppo. Il contributo che ognuno di noi porta all’associazione e alla nostra città deve essere profuso per ottenere una politica fatta di scelte giuste e funzionali che tutelino la collettività partannese. Il fatto che ciascuno di noi abbia le proprie idee per noi è una ricchezza, non un limite.

In giro per il paese ci si comincia a chiedere se alla fine, in occasione delle prossime elezioni comunali, che si terranno con ogni probabilità nel mese di giugno 2018, l’associazione si trasformerà o meno in una lista con un proprio candidato sindaco… cosa ci puoi dire a tale proposito? Vi rendete conto di essere un gruppo politicamente interessante?

(Ci guarda per qualche secondo e accenna ad un sorriso, n.d.r.) Credo sia una domanda prematura che impone una risposta altrettanto prematura… Non siete certamente i primi a porre questa domanda, ma vi posso assicurare che ad oggi non è possibile dare una risposta, né in un senso, né nell’altro.

Gli incontri che avete tenuto nella sede di Via Vittorio Emanuele non sono certo passati inosservati: secondo te la politica locale in questo momento vi osserva più con curiosità o con scetticismo?

Credo che il nostro progetto abbia animato sia curiosità che scetticismo. Siamo preparati a questo e sappiamo che ciò è fisiologico. Ma fisiologica sarà anche la crescita del nostro progetto di sviluppo sostenibile e partecipato di Partanna che vuole incoraggiare i curiosi e soprattutto far ricredere tutti, fino a coinvolgere i più scettici. Noi ci auguriamo che la politica locale, così come tutte le altre componenti della comunità partannese, accolga il nostro progetto con entusiasmo.

Cosa si deve fare per entrare nell’associazione?

Al di là del rispetto delle dovute formalità, per far parte dell’associazione Cambia Partanna occorre garantire un contributo di determinazione, impegno e passione per puntare a migliorare Partanna.

Grazie Davide e buon lavoro

Grazie a voi. Alla prossima.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE