PartannaLive.it


M5S Salemi, manifesti abusivi. Saladino: “Propensione dei candidati a non rispettare le regole”

M5S Salemi, manifesti abusivi. Saladino: “Propensione dei candidati a non rispettare le regole”
20 ottobre
15:43 2017

SALEMI. Manifesti abusivi propagati in ogni parte della città. Dalle periferie al centro storico i manifesti dei candidati all’Ars hanno tappezzato porte, muri, saracinesche, pilastri e quant’altro si prestasse come base all’affissione e contestualmente alla visibilità dell’aspirante deputato. Il Movimento 5 stelle sulla scorta delle norme che disciplinano la propaganda elettorale ha così segnalato alla Polizia Municipale, ai Carabinieri e alla Prefettura tutte le affissioni finora fatte dalle varie compagini politiche. La ripartizione e assegnazione degli spazi avverrà infatti oggi ma da settimane i manifesti elettorali sono presenti in vari punti della città.

“È necessario – afferma il consigliere Daniela Saladino – la piena osservanza delle norme vigenti nonché il giusto rispetto sia per le altre forze politiche che per l’ambiente cittadino la cui estetica viene deturpata dalle affissioni abusive e selvagge. Oltretutto ciò manifesta non solo la propensione dei candidati a non rispettare le regole ma anche lo sperpero di denaro proprio dei soliti partiti che spendono cifre elevate per la campagna elettorale e nello specifico per la stampa dei relativi manifesti in un numero ben superiore alle necessità, “incoraggiati” dal fatto che le spese gli verranno rimborsate. Di libera interpretazione è invece l’apposizione dei manifesti affianco a quelli del Circo giunto in città, scelta su cui non ci pronunciamo”.

Intanto,  neanche il tempo di essere oscurati che, i manifesti, ricompaiono nello stesso posto e con un volto politico diverso. E’ così accaduto in via San Leonardo dove i manifesti di Nicolò Clemenza che avevano coperto i manifesti del Pd sono stati sostituiti a sua volta da quelli di Nino Oddo. Degno di nota è anche il multistrato di manifesti, ai pilastri del cavalcavia, di Ruggirello e Tranchida. Il movimento 5 stelle ha segnalato l’affissione abusiva in via San Leonardo (di fronte piazza Vittime di Nassiria e di fronte la scuola media); via Dante Alighieri (nei tre pilastri di sostegno del cavalcavia); sul muro del cavalcavia (adiacenti lo spazio pubblicitario e negli spazi riservati su pannello ai manifesti); in via Padre Maurizio Damiani (entrambi i pilastri del cavalcavia); sulla statale 118 (dalla via Marsala alla zona Aurora); in via Marsala (su portone di civile abitazione in disuso al civico 4), in via Crispi. A cui si aggiunge l’anomalia della sede elettorale del candidato Oddo in via Lo Presti.

Il maggior numero di manifesti (oltre i 40) sono quelli di Nicolò Clemenza di Partanna a sostegno di Claudio Fava candidato presidente della Regione Sicilia per la lista “Cento passi per la Sicilia”, segue Nino Oddo per “Sicilia Futura”, Ruggirello e Tranchida per il “Pd” per finire con Tommaso Tarantolo di Gibellina per “Sicilia Futura” e Toni Scilla per “Forza Italia”. Secondo la normativa le spese per la rimozione saranno a carico dei candidati. Le notifiche vengono notificate dalla polizia municipale al Prefetto che comunica l’importo che oscilla tra i 103 e 1.032 euro.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE