PartannaLive.it


Salemi, Dina Ardagna candidata Ap: “ Misure più incisive per evitare che i fondi europei vadano persi”

Salemi, Dina Ardagna candidata Ap: “ Misure più incisive per evitare che i fondi europei vadano persi”
24 ottobre
15:11 2017

SALEMI. Dina Ardagna, candidata alle elezioni regionali del 5 novembre con Alternativa popolare (Centristi per Micari), propone la sua “ricetta” per avvalersi al meglio dei fondi che l’Unione europea mette a disposizione delle regioni. Per l’esponente di Ap alla Sicilia occorre una gestione più attenta della progettazione riguardante i finanziamenti comunitari. “Non è un caso – commenta – se fra le regioni italiane la Sicilia ha perso in assoluto più fondi, circa 117 milioni di euro su 3,27 miliardi assegnati al Por-Fesr mentre altre regioni meridionali hanno documentato il 100% e in qualche caso anche superato”. “Bisogna far tesoro degli errori commessi – aggiunge Dina Ardagna – e avviare subito i progetti dei finanziamenti 2014-2020, ancora fermi”. Per la candidata l’utilizzo dei fondi europei dovrebbe essere affidato ad un assessore regionale con una specifica delega in materia di coordinamento degli interventi comunitari nell’Isola. “Inoltre – continua Ardagna – serve una programmazione strategica mirata per l’utilizzo di tutti i fondi previsti nel periodo 2014-2020 e successivi, anche in ottica di una visione di sistema”. Il piano di investimenti strategici dovrebbe essere frutto di una interlocuzione diretta con la Commissione europea per evitare disastrose restituzioni di risorse fondamentali per il nostro territorio. “Sarebbe necessario un rilancio dell’attività dell’Ufficio di rappresentanza a Bruxelles e una maggiore interlocuzione con la Bei (Banca europea per gli investimenti)”. Se si considera, infine, che il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha promesso di investire 300 miliardi di euro nei prossimi tre anni per la ripresa economica dei paesi comunitari attraverso il Fondo per gli investimenti (l’Efsi o cosiddetto piano Juncker) “si comprende – chiosa Dina Ardagna – che bisogna fare di tutto per evitare che i fondi ritornino indietro”. In questi anni Alternativa Popolare ha già dimostrato di avere a cuore questo tema e ha richiesto e ottenuto un aumento di ben 70 milioni di euro per le scuole paritarie, inserendo anche lo strumento delle detrazioni fiscali per le famiglie (400 euro a bambino all’anno 2016 e 800 euro per l’anno 2017), riuscendo inoltre a sbloccare i fondi europei Pon anche per le paritarie e attivando lo Scholl Bonus, che prevede un credito d’imposta per i privati che fanno donazioni. “Anche nella nostra terra si può creare un sistema virtuoso – conclude la candidata di Ap – e per farlo è essenziale che la Regione supporti tutti quei giovani che intendono partecipare con i propri progetti ai bandi europei, offrendo informazioni e assistenza costante nei vari passaggi burocratici, e fornendo un supporto a livello organizzativo e normativo indispensabile a chi vuole adoperarsi per lo sviluppo di attività imprenditoriali e per il rilancio della Sicilia”.

 

 

Ufficio stampa

Letizia Loiacono

Cell: 334/8062918

Mail: letizialoiacono@email.it

Pagina Facebook https://www.facebook.com/dina.ardagna

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE