PartannaLive.it


Salemi e Vita, da oggi aumenta il costo del pane. La media dei prezzi in zona

Salemi e Vita, da oggi aumenta il costo del pane. La media dei prezzi in zona
01 dicembre
17:41 2017

Sale il prezzo del pane a Salemi e Vita e si adegua al prezziario dei Comuni limitrofi. Da oggi, 1 dicembre, il prezzo del pane al chilo è aumentato di 40 centesimi raggiungendo quindi la soglia dei 2,40 euro. La decisione nasce da un accordo tra la schiera di panificatori salemitani e un rappresentante della categoria dei panificatori di Vita, i quali dopo tanti anni hanno deciso di ritoccare il prezzo sulla base di una sorta di proiezione dei costi medi in zona. L’impulso nasce dalla necessità per far fronte alla continua crescita dei costi di gestione. Grava, ma solo ad alcuni panificatori la chiusura domenicale imposta dall’assessorato alle Attività produttive, lo scorso 10 ottobre, sulla chiusura dei panifici, in tutta la Regione, la domenica e i giorni festivi. A differenza di Castelevtrano, ad esempio, dove la gran parte di panifici sono aperti la domenica qui sono state poche le attività che hanno sfornato il pane l’ultimo giorno della settimana, che si riattesta giorno di riposo.

I prezzi per chilo rilevati in zona sono: 2,40 euro a Calatafimi, 2 euro a Gibellina, 2,40 a Partanna, 2,20 Santa Ninfa. Il prezzo delle 2 euro si mantiene nelle città di Castelvetrano per il bianco (nero 2,40 euro), e a Trapani dove grano tenero e rimacinata costano 2 euro ma dove i panifici ampliano l’offerta di tipi di pane più costosi come quello di mais, di cereali e altre farine alternative al grano tenero.

Un tema quello del costo del pane che si lega anche alla produzione agricola e i circuiti legati alla filiera del grano in cui vi sono produzioni più direttamente connesse al territorio, alla produzione di qualità e altre legate a farine di provenienza geograficamente più lontana.

 

L’innalzamento del prezzo come ogni aumento sui beni cosiddetti primari ha fatto storcere il naso ad alcuni cittadini, costretti anch’essi a far quadrare i conti a fine mese. Per ogni famiglia che acquista giornalmente un chilo di pane casereccio, l’aumento peserà mensilmente sul portafoglio di circa 12 euro in più rispetto al passato.

Facendo un breve sondaggio sui prezzi tra i siciliani che vivono fuori regione abbiamo appreso che in Francia il pane al chilo costa tra i 4 e i 10 euro, a Brescia 4,50 euro mentre parecchi altri siciliani hanno risposto di non gradire il pane delle altre regioni e che quindi rifiutano di acquistarlo.

Aggiornamento 2 dicembre

Un panificio di Salemi non ha aderito alla “azione” di rialzo del pane.

Un altro panificio ha praticato il rialzo del pane già dalla settimana precedente.

 

 

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Banner

Seguici su Facebook

Banner

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE