PartannaLive.it


Alcamo: raccolta firme per i referendum indetti dal Partito Radicale

Alcamo: raccolta firme per i referendum indetti dal Partito Radicale
08 luglio
13:34 2013

Partito_radicaleAnche al Comune di Alcamo, presso l’anticamera dell’Ufficio del Segretario Generale, 1^ piano del Palazzo di Città e presso gli uffici della Segreteria Generale 1^ piano, di fronte il Palazzo di Città, è possibile firmare per i referendum indetti dal Partito Radicale.
E’ possibile firmare anche presso il Palazzo di Vetro, servizi demografici, ufficio elettorale, via Padre Pino Puglisi e all’Ufficio relazioni con il pubblico, in corso VI Aprile.
Si rammenta a tutti gli interessati che, per firmare per il referendum è necessario avere un documento di riconoscimento in corso di validità ed essere iscritti nelle liste elettorali del Comune di residenza. La raccolta delle firme avrà luogo fino al 15 Settembre.
I referendum per i quali è possibile raccogliere le firme sono 12 e riguardano nello specifico “responsabilità civile dei magistrati – perché i cittadini possano ottenere dal magistrato, e in tempi rapidi, il giusto risarcimento dei danni a seguito di irregolarità e ingiustizie da loro subite”; “magistrati fuori ruolo – per far rientrare nei Tribunali le centinaia di magistrati attualmente dislocati ai vertici della pubblica amministrazione per smaltire l’enorme debito giudiziario” “custodia cautelare – per limitare il carcere preventivo, cioè prima della sentenza di condanna, ai soli reati gravi”; “abolizione dell’ergastolo– per abolire il carcere a vita ed ottenere una pena detentiva che abbia la finalità di rieducare il condannato”; “separazione delle carriere dei giudici – per ottenere la garanzia di essere giudicati da un giudice terzo obiettivo ed imparziale che abbia una carriera diversa da quella del Pubblico Ministero che accusa”; “divorzio breve – per eliminare l’obbligo dei tre anni di separazione prima di poter chiedere il divorzio”; “droghe – per abolire la pena detentiva per i fatti di lieve entità”; “abolizione del finanziamento pubblico ai partiti”; “otto per mille – per lasciare allo Stato la quota di 8 per mille di chi non esercita l’opzione; “lavoro e immigrazione – per l’abrogazione del reato di clandestinità e modificare quelle norme discriminatorie che comportano la perdita del permesso di soggiorno per quegli immigrati che perdono il lavoro.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE