PartannaLive.it


La Sicilia protagonista di un progetto sulla mediazione europea insieme a Grecia, Spagna e Paesi Bassi

La Sicilia protagonista di un progetto sulla mediazione europea insieme a Grecia, Spagna e Paesi Bassi
16 settembre
13:13 2014

Immagine

Quale è il panorama attuale nel campo della mediazione europea? Quali sono le criticità? E quali gli elementi comparativi tra alcuni Stati europei? Questi aspetti si stanno studiando nell’ambito del progetto Emedi@ate, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito della linea di intervento “Civil Justice 2012”, che – sino a dicembre – vede insieme alcuni partner europei e, tra questi, un’Unita di ricerca palermitana istituita presso il Dipartimento di Studi Europei e della Integrazione Internazionale presso l’Università di Palermo, il Cresm di Gibellina, il Cemsi di Mazara del Vallo, l’Università del Pireo (Grecia), l’Università di Cipro, l’Università di Tilburg (Paesi Bassi) e il Galician Technological Institute in Spagna. Da dicembre del 2012 e sino al prossimo dicembre, il progetto ha l’obiettivo di creare un modello di training per professionisti e soggetti interessati alla mediazione a livello europeo, al fine di diffondere la cultura ed il ricorso alla mediazione nei Paesi afferenti all’area dell’Unione Europea, fornendo strumenti per migliorare il percorso formativo dei mediatori. «Abbiamo puntato più l’attenzione sui temi della mediation techniques, e-Justice tools, cross-cultural and linguistic communicationspiega il professor Antonello Miranda, coordinatore scientifico del progettofocalizzando l’interesse a verificare l’esistenza o meno di standards comuni in tema di mediazione all’interno dell’area Ue, facilitare la cooperazione e la condivisione del know-how acquisito nel campo della mediazione e dei sistemi di Adrs in genere tra i professionisti sul territorio europeo. Ma anche a individuare un nucleo di principi di “soft law” in tema di mediazione civile, familiare e interculturale che rispondano all’esigenza di implementare tali modelli di Adrs».

LA PIATTAFORMA DI FORMAZIONE – Nell’ambito del progetto è stato creato il sito www.emediate-justice.eu, concepito come un piattaforma web multitasking, «al fine di sviluppare a pieno gli obiettivi del progetto alla luce delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie» spiega la professoressa Alessandra Pera dell’Università di Palermo. La piattaforma (l’aggiornamento è work in progress) offre a mediatori e aspiranti mediatori, o a chiunque sia interessato, corsi multidisciplinari. «L’e-learningspiega Alessandra Peranon richiede di spostarsi e offre la possibilità di un audience molto ampio e, quindi, una maggiore circolazione e diffusione delle informazioni e delle conoscenze offerte». La piattaforma offre la possibilità anche di partecipare al forum aperto on-line (attraverso un sistema di registrazione), dove ciascun utente potrà formulare commenti, domante, chiedere spiegazioni e dettagli ai docenti o agli altri discenti. «L’obiettivoè ancora Mirandaè quello di incoraggiare lo sviluppo di un long-lasting networks di specialisti e creare una base solida per la cooperazione futura riguardante anche ulteriori progetti sugli stessi temi».

Max Firreri

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE