PartannaLive.it


A Trapani e provincia prosegue l’azione di contrasto al lavoro nero

A Trapani e provincia prosegue l’azione di contrasto al lavoro nero
13 novembre
15:00 2014

Proseguono costanti i servizi finalizzati al contrasto del lavoro nero e alla verifica della dignità dei rapporti di lavoro, da parte dei Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Trapani, con gli ispettori civili, d’intesa fra il Direttore della Direzione Territoriale del Lavoro Arch. Francesco. I militari dell’Arma pongono in quest’attività particolare impegno al servizio dei lavoratori e a garanzia dei probi imprenditori salvaguardati così dalla concorrenza sleale: anche al fine di invogliare i cittadini ad avvicinarsi alle Stazioni o direttamente all’Ispettorato del Lavoro per riferire di rapporti di lavoro anomali o situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di massimizzare la tempestività degli interventi e prevenire tutte le potenziali situazioni di perdita di posti di lavoro o letali, che impediscano ad un padre di famiglia di tornare a casa la sera.

Ogni incidente sul lavoro è una perdita per i Carabinieri che lavorano per prevenirli.

I rapporti di lavoro irregolari e il lavoro nero sono invece patologie da sconfiggere, nell’intenzione che l’azione costante dell’Arma dissuada i comportamenti difformi e induca tutti i datori di lavoro a fare emergere ogni lavoratore dipendente.

E’ con quest’approccio che, nella prima decade di novembre, i Carabinieri dell’Ispettorato e dell’Arma di Trapani sono dunque intervenuti in diversi territori con diverse attività ispettive in edilizia, officine meccaniche, rivendite telefonia, ristorazione, terziario di: Trapani(1), Mazara del Vallo(3) e Alcamo(2) scoprendo il 50% delle posizioni lavorative in nero rispetto al numero di lavoratori controllati. I militari hanno:

  • ispezionato 9 aziende e verificate 25 posizioni lavorative;
  • scoperto 14 lavoratoriin nero”;
  • intimata la sospensione dell’attività imprenditoriale a 6 imprese commerciali a Mazara del Vallo(4) e Alcamo(2) per avere impiegato in nero una forza lavoro superiore al 20% dei presenti al momento del controllo, rispettivamente:
  • nella prima per avere impiegato n. 1 lavoratore in nero su n. 2 presenti;
  • nella seconda per avere impiegato n. 2 lavoratori in nero su n. 2 presenti;
  • nella terza per avere impiegato n. 3 lavoratori in nero su 3 presenti;
  • nella quarta per avere impiegato n. 2 lavoratori in nero su 3 presenti;
  • nella quinta per avere impiegato n. 2 lavoratori in nero su 2 presenti;
  • nella sesta per avere impiegato n. 4 lavoratori in nero su 4 presenti.

I commercianti sospesi hanno ottemperato alle prescrizioni ed hanno regolarizzato i dipendenti in nero versando sanzioni aggiuntive per un totale di 9.900,00 €: dovranno inoltre versare i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori non corrisposti ai 14 operai, oltre a corrispondere una maxi sanzione di 4.000,00 € per ogni lavoratore scoperto “in nero”. Sono state contestate sanzioni amministrative per complessivi 70.710,00 €: occorre ripetere che il “lavoro nero” allorché emerge a seguito di controllo costa all’imprenditore di più del lavoratore tutelato a norma di legge. Le ispezioni disposte dalla Direzione territoriale del Lavoro, d’intesa col Comando Provinciale dei Carabinieri, proseguiranno con impegno sempre maggiore da parte dei militari e degli ispettori civili in Trapani e provincia, al fine di garantire la massima equità in ogni settore merceologico.

Testo integrale

Carabinieri Nucleo Ispettorato del lavoro

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE