PartannaLive.it


Green Italia aderisce alla manifestazione no triv di Palermo

Green Italia aderisce alla manifestazione no triv di Palermo
02 Dicembre
14:30 2014

Green Italia condivide il grido d’allarme del mondo dei comitati no triv, della green economy, delle associazioni ambientaliste, del “popolo inquinato” e di chi non vuole essere stritolato dalla politica energetica dei Governi Nazionale e Siciliano a trazione fossile. Insieme agli esponenti delle maggiori associazioni ambientaliste,dei Comitati no triv e ai cittadini impegnati a difesa del proprio territorio, ci ritroveremo oggi pomeriggio alle 16 all’Ars a Palermo per dire no al piano di trivellazioni selvagge , e sì ad un futuro energetico carbon free, alimentato  da fonti rinnovabili e caratterizzato dall’efficienza energetica”.

Lo dichiara il coordinatore nazionale di Green Italia Fabio Granata.

Renzi e Crocettacontinua Granata – vogliono rendere più facile estrarre idrocarburi nei giacimenti presenti sul territorio nazionale e siciliano. Lo sfruttamento degli idrocarburi riveste per loro “un’importanza strategica” e lo stesso  vale per gasdotti, i rigassificatori, i depositi di stoccaggio del gas naturale (compresi quelli sotterranei). Insomma si punta tutto sui combustibili fossili. Nonostante le fonti rinnovabili coprano una quota sempre maggiore del fabbisogno energetico, e nonostante le riserve fossili presenti nel nostro Paese, secondo gli stessi dati del Ministero dello Sviluppo economico, sono ben poca cosa:insomma si vuole mettere in pericolo il nostro territorio, il paesaggio, i nostri mari senza alcun beneficio ma pregiudicando un’altra idea di sviluppo basato sul turismo, la bellezza, la cultura, l’innovazione, l’agricoltura”.

Green Italiaaggiunge Granata – si schiera al fianco dei comitati no triv, dell’imprenditoria italiana innovativa che lavora per un futuro energetico meno caro e più pulito, e alle migliaia di cittadini consapevoli decisi a difendere i propri diritti, il proprio territorio, i propri “luoghi dell’anima”. Da Green Italia partirà una iniziativa di legge popolare che introduca finalmente il reato ambientale nel codice penale e che blocchi la liberalizzazione  delle trivellazioni e delle ricerche petrolifere terrestri e marine”.

Intanto reclamiamo l’impugnativa davanti alla Corte Costituzionale delle parti dello sblocca Italia che violano lo statuto e le competenze siciliane, mai difese da Crocetta che è sempre più nelle mani dei petroliericonclude Granata.

Daniele Sivori

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Il cittadino Segnala

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE