PartannaLive.it


Marsala, 150 migranti di 12 nazioni in chiesa madre: un’esperienza di cattolicità

Marsala, 150 migranti di 12 nazioni in chiesa madre: un’esperienza di cattolicità
21 maggio
15:11 2015

Il nome della città di Marsala evoca alla memoria “Lo sbarco dei Mille” con Giuseppe Garibaldi, un’azione politica che diede inizio alla costruzione dell’Unità d’Italia. Oggi, assistiamo a ben altri sbarchi, con altri numeri e con altri obiettivi. Domenica prossima (24 maggio) la chiesa madre di Marsala vivrà un’esperienza positiva di cattolicità: da Palermo arriveranno 200 persone, tra italiani e migranti di dodici nazioni diverse che vivono e lavorano a Palermo, per condividere una giornata di preghiera e riflessione. «Ogni mese scegliamo una città diversa della Sicilia per trascorrere una domenica fuori Palermospiega padre Sergio Natoli dell’Ufficio Migrantes di Palermo che guiderà il gruppola tappa di Marsala ha diversi obiettivi: far conoscere agli immigrati qualcosa della nostra storia, permettere alla comunità cristiana della chiesa madre di fare un’esperienza positiva di cattolicità, di far prendere coscienza agli immigrati di avere un mandato missionario nella nuova evangelizzazione della nostra Europa». Alle ore 12 di domenica i migranti, insieme ai fedeli locali, si ritroveranno in piazza della Repubblica per pregare insieme: «Invocheremo lo stesso Spirito Santo, perché questa nuova Pentecoste possa unire tutte le genti nel medesimo “popolo di Dio” dice ancora padre Natolinon un’invasone ma una docilità per essere nel medesimo territorio della bellezza della cattolicità della Chiesa presente nel medesimo territorio». La liturgia sarà animata dalla corale interculturale “Arcobaleno di Popoli”. Nel pomeriggio, alle ore 15,30 il gruppo si ritroverà presso l’Oratorio dei Salesiani (parrocchia Maria Ss. Ausiliatrice di Marsala) per il concerto di fraternità “La linfa”, dove con canti e danze di vari Paesi del mondo, tutti insieme – migranti e fedeli locali – saranno i protagonisti della bellezza e della gioia che i fratelli stiano insieme.

Max Firreri

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE