PartannaLive.it


Diario delle mie letture, “La musa”

Diario delle mie letture, “La musa”
07 agosto
16:41 2016

Non riesco a trovare il perché questo bellissimo libro pubblicato dalla casa editrice Guanda nel 2015 mi sia sfuggito: questa recensione andava fatta un anno fa! Il mondo dell’editoria purtroppo si è parecchio complicato perché ogni anno vengono pubblicati migliaia di titoli anche se la maggior parte di questi libri assomiglia spesso a spazzatura letteraria. Anch’io oltre a scrivere ogni tanto qualche recensione di libri che mi capita di leggere, vado alla ricerca su tutti i giornali ma anche sul web di recensioni di libri appena pubblicati. L’impressione che spesso ne ricavo mi fa pensare che il più delle volte sono frutto di letture frettolose se non addirittura libri appena sfogliati per scrivere pezzi in maniera veloce, esprimendo spesso giudizi affrettati e lapidari. Il libro di cui ora vi parlerò racconta una storia ambientata tutta nel mondo dell’ editoria indipendente americana e internazionale. È una storia di libri, case editrici che si contendono scrittori, poetesse che litigano tra loro e sorprendenti storie d’amore non solo tra uomini e donne ma soprattutto per l’arte e la poesia. Questo anziano signore Jonathan Galassi, che ha speso la sua esistenza in mezzo ai romanzi e agli scrittori che è il traduttore americano delle opere di Leopardi e Montale ma che è stato editore di scrittori del calibro di Jonathan Franzen, ha pubblicato nel 2015 il suo primo romanzo intitolato “La musa(nella foto la copertina del libro), in cui il personaggio principale Paul Dukach, per tutta la sua esistenza coltiva il sogno, frutto di un amore smisurato per la poesia, di incontrare una delle più grandi poetesse americane Ida Perkins. Paul per inseguire meglio il suo sogno lavora presso una casa editrice di New York che è da sempre in competizione con la più indipendente ed intellettuale Impetus che pubblica tutte le opere della grande poetessa. Non vi dirò altro sulla storia per non togliervi il piacere di una lettura davvero appassionante per chi ama i libri e la poesia. Il vero tema del libro, infatti, è la storia bellissima della scrittrice americana Ida Perkins e del rapporto che ha avuto con la sua nazione, con gli americani che l’hanno profondamente amata. All’interno del libro alla prosa si alterna la poesia ed è questo a mio modesto parere il modo per accostare i lettori nuovamente alla poesia.

Vincenzo Piccione

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE