PartannaLive.it


Partanna, danni per le forti piogge. Comune citato più volte in giudizio per mancata manutenzione dei canali di scolo

Partanna, danni per le forti piogge. Comune citato più volte in giudizio per mancata manutenzione dei canali di scolo
22 maggio
10:00 2018

PARTANNA. Scarsa manutenzione o agenti atmosferici troppo violenti? Un “dubbio amletico” dal quale si defilano alcuni cittadini partannesi, i quali avendo subito numerosi danni alle abitazioni e ai terreni,   hanno citato in giudizio davanti il Tribunale di Sciacca il Comune di Partanna per la richiesta di risarcimento danni.

Il primo caso risale all’ottobre dello scorso anno quando il signor Santino Pantano, citò l’amministrazione, per i danni subiti dal proprio fondo, in contrada Cicio, a causa delle inondazioni da acqua piovana provenienti dalla strada comunale soprastante. Il secondo caso riguarda invece i signori Pedone Fara e Colombo Gaspare. Cambia il luogo (fondo in contrada Cerarsa) ma il problema è sempre lo stesso, inondazione sul terreno (per agenti atmosferici), che ha determinato l’abbattimento del muro confinante con l’altra proprietà. In questa circostanza viene esplicitamente accusata l’amministrazione partannese della mancata manutenzione del canale a cielo aperto che attraversa il fondo e che consente il deflusso delle acque dal depuratore di contrada Raffe al fiume Belice. Nel terzo ed ultimo episodio, quello che vede come protagonista Salvatore Zinnanti, le forti piogge, impattando sulla parete della casa di proprietà del cittadino in questione, hanno provocato uno squarcio, con relativo ribaltamento delle mura al suo interno.

La difesa del Comune di Partanna non si è fatta attendere, di fatto, per ciascuno dei tre casi prima citati sono stati nominati degli avvocati incaricati di difendere l’amministrazione davanti il tribunale di Sciacca (con cifre che girano intorno alle 2 mila euro a parcella). In alcuni casi il Comune ha proceduto all’accertamento tecnico, sulla veridicità dei danni, incaricando esperti del mestiere. È questo il caso dell’agronomo Baldassare Zinnanti, che meno di una settimana fa ha trasmesso al Comune il suo preventivo spesa, per il lavoro che si appresterà a svolgere.

Se il Comune dovesse essere condannato, le cifre che sarà obbligato a sborsare ammontano a decine di migliaia di euro, cifre corpose che graveranno sulle casse comunali e sui cittadini.

Amante della scrittura, abile disegnatrice, scrive per “Il Giornale di Sicilia”. Si definisce una ragazza con la testa tra le nuvole ma con i piedi ben piantati per terra.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE