PartannaLive.it


Catania: “Con l’Aro miglioreremo il servizio di raccolta dei rifiuti riducendo la tassazione del 30-35%”

Catania: “Con l’Aro miglioreremo il servizio di raccolta dei rifiuti riducendo la tassazione del 30-35%”
02 novembre
20:25 2014

Incontro del sindaco Nicolo’ Catania (nella foto), con la stampa locale, sul tema della nuova gestione dei rifiuti. Il sindaco, ha voluto creare un momento di incontro, per fare alcune precisazioni e dare informazioni utili con l’intento di chiarire passaggi politici normativi in merito alla costituzione dell’Aro.

Come si è arrivati ad individuare il nuovo percorso della gestione dei rifiuti?

Dopo la gestione fallimentare della società Belice Ambiente, abbiamo necessariamente dovuto fare, alcune valutazioni politiche e legislative, prima di arrivare a definire il percorso di costituzione degli Aro (Ambito di raccolta ottimale). Abbiamo scelto, di percorrere questa strada in quanto scegliendo la gestione in proprio nel nostro comune sarebbero aumentate inevitabilmente le spese in quanto avremmo dovuto creare una società di scopo  acquistando  mezzi e attrezzi che si sarebbero dovuti comprare con enormi costi che si sarebbero riversati inevitabilmente sulle tasche dei cittadini.

Perché si è stabilito di fare il nuovo Aro soltanto i comuni di Santa Ninfa e Vita?

Si è arrivati a compiere questa scelta, in quanto i comuni di Salaparuta e Poggioreale hanno fatto scelte diverse, mentre il comune di Gibellina, a causa di vicissitudini politiche, ha scelto alla fine di non prenderne parte. L’Aro, costituito con i comuni Partanna, Santa Ninfa e Vita ha territori comunali omogenei, ci tengo a precisare inoltre che non verrà costituita nessuna nuova società privata, ma della gestione dei rifiuti, si occuperanno i privati ed un ufficio comunale, formato da tecnici dei comuni, senza spese aggiuntive per gli enti locali.

Quali le procedure nel nuovo piano rifiuti?

Sarà effettuata una gara di appalto con la quale verrà assegnata la gestione del servizio all’aggiudicatario, che assorbirà utilizzando una parte del personale, avente diritto, della vecchia gestione mentre altro personale confluirà nelle Srr (Società per la regolamentazione del servizio dei rifiuti). Le Srr, avranno come compito quindi il coordinamento dell’azione dei vari servizi. Gli Aro, si occuperanno di gestire e dare in affidamento ad aziende private, tramite gara d’appalto, lo spazzamento e la raccolta dei rifiuti loro competenza, la determinazione del piano industriale e le decisioni riguardo le forme di attuazione della raccolta differenziata nel territorio di riferimento. La Regione, dovrà quindi approvare il Piano di intervento, entro il 15 Novembre, con l’approvazione da parte dei consigli comunali.

Nel nuovo piano rifiuti quali meccanismi di raccolta sono stati individuati e quale sarà la tempistica?

Nel piano, sono stati previsti due tipi di meccanismio di raccolta tenendo presente tra gli obiettivi del nuovo sistema, che sarà necessario potenziare la raccolta differenziata, che per legge entro il 2015 dovrebbe arrivare al 65 per cento di raccolta differenziata, che attualmente si attesta al 23-24 per cento, circa. Speriamo in 6-7 mesi di poter definire il tutto e di iniziare la nuova gestione dei rifiuti.

Saranno previste campagne di sensibilizzazione sul tema ed incontri con i cittadini?

Certo, insieme al nuovo soggetto privato, riteniamo, che sia indispensabile creare delle campagne ad hoc, attraverso i mezzi di comunicazione e definendo momenti di incontro con la cittadinanza, naturalmente, pensiamo anche di aumentare le forme di controllo e repressione.

I cittadini, si chiedono spesso, chi siano i responsabili di ciò che accadrà, in questo caso?

Naturalmente la società che si occuperà della gestione ed i sindaci pro tempore dei comuni.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE