PartannaLive.it


[ENG/SCN/ITA] Belíce 1968, Ieri, oggi e domani. Tradotto in lingua siciliana e inglese anche per chi, oggi, non vive più qui

[ENG/SCN/ITA] Belíce 1968, Ieri, oggi e domani. Tradotto in lingua siciliana e inglese anche per chi, oggi, non vive più qui
11 gennaio
13:21 2018

[ENG]
It’s been 50 years since that tragic night between the 14th and the 15th of January, 1968. That day the destiny of the entire Valle del Belìce changed forever. The earthquake changed the landscape of this valley. Towns such as Gibellina, Salaparuta, Montevago were totally destroyed, others like Poggioreale, Santa Margherita del Belìce, Santa Ninfa, Partanna, Salemi, Menfi, Camporeale, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Sambuca di Sicilia, Vita were seriously damaged. The ground swallowed even the roads and railroads, making the rescue efforts extremely difficult. Even nowdays the exact number of the victims and injured people is unknown, estimated between 231 and 600 people killed and 1000 injured. Around 70.000 people became homeless.

The Belìce’s area has not yet fully recovered from this distaser. The reconstruction plan has not been well managed by the central government. Disorganised, fragmentary and without considering the cultural and human patrimony already present in the territory, the reconstruction was a top-down project imposed from Rome without any contextualised criteria. Entire towns such as Gibellina, Salaparuta, Poggioreale were reconstructed elsewhere from the original location, away from the farms and the fields where people used to work. Infrastructures such railroads, hospitals and such were dismissed or the roads left uncompleted. Jobs haven’t been created with solid economic bases and the phenomenon of emigration increased and never stopped since, even with the favour of the State that preferred to give free one way tickets to the North of Italy or to foreign countries such as Australia. Today for example there are more people from Poggioreale in Sidney than in Poggioreale itself. Now, 50 years after the earthquake, the people of this territory wonder which future this valley has and when this land will cheer up, together with the rest of the South of Italy, often considered as a separated part of the country.

This year, on the occasion of the 50th anniversary of the earthquake, there will be many celebrations to recall those moments and meditations on what happened and on what is happening today. At the celebrations’ opening ceremony located in Partanna, on the 14th of January, the highest political and institutional authorities will be present. Among them the President of the Italian Republic, Sergio Mattarella, who will personally give recognition awards to the people who gave the first aid heroically and with high risk for their safety. There will be also commemorative moments dedicated to other people who are symbols of genuine heroism during that period that there are no more among us, like Father Antonio Riboldi who died recently, and the four firemen and the carabiniere who died ten days after the earthquake, during a subsequent strong shock, in the fulfillment of their duty among unsafe houses, trying to find people still stuck among the ruins.
The same day a solemn mass in Montevago will be celebrated by the archbishop of Monreale, the bishops of Trapani, Mazara del Vallo, Agrigento and the eparch of Piana degli Albanesi.
Films, poems and monologues will be dedicated to the memory of the Belìce in some of the other towns involved. Moreover, other events and initiatives will be organised during the year in the towns of the valley.

All events and celebrations are possible thanks to the “Mayors of the Belìce Valley’s Collaboration”, coordinated by the president Nicola Catania, mayor of Partanna.

[SCN]
Passaru 50 anni di ddà tràggica notti ntra lu 14 e lu 15 Ginnaru di lu 1968. Ddû iornu lu distinu dî l’intera Vaddri di lu Belìce canciàu pî sempri. Lu tirrimotu canciàu lu paisaggiu di sta vaddri. Paìsi comu Gibbiddìna, Salaparuta e Muntivau foru distruduti totalmenti, mentri autri paìsi comu Poggiuriali, Santa Marghirita, Santa Ninfa, Partanna, Salemi, Menfi, Campuriali, Chiusa Sclàfani, Kundissa, Sammuca, Vita foru immeci assài danniggiati.
La terra agghiuttìu puru strati e ferrovii, facennu addivintari li soccorsi istrimamenti difficurtusi.
Persinu ntâ sti tempi lu nùmmaru esattu di li vittimi e feriti unnè chiaru, stimatu ntra li 231 e li 600 cristiani morti e 1000 feriti. Circa 70.000 cristiani arristaru senza casa.

La zona di lu Belìce un s’arripigghiau ancora completamenti di lu disastru. La ricostruzzioni unn’à statu gestita bona di lu guvernu cintrali. Mala organizzata, frammintata e senza considirari lu patrimoniu culturali e umanu presenti nna lu territoriu, la ricostruzzioni fu n’imposizzioni chi vinni di lu guvernu di Roma, senza criteriu e contestualizzazioni. Nteri paìsi comu Gibbiddìna, Salaparuta e Poggiuriali foru ricostruiti a natra banna rispettu a dunni erano prima, luntanu di li campi e li campagni dunni li cristiani avianu a travagghiari. Infrastrutturi comu ferrovie e ospitali foru livati o li strati lassati senza finuti. Lu travagghiu un fu criatu cu nna basi ecunòmica sòlida e lu finòminu di l’emigrazzioni aumintau e un si firmau di tannu, anzi fu all’inizziu aiutatu di lu Statu chi prifirìu dari bijetti aggràtis di sula iuta pi lu Norditalia o paìsi stranieri comu l’Australia. Ora camora pî esempiu ci sù chiù Poggiurialisi a Sidney chi a Poggiuriali stessa. Ora, doppu 50 anni di lu tirrimotu, li cristiani di lu Belìce s’addumannanu quali futuru ànnu e quannu sta terra s’arripìgghia, nsèmmula cu tuttu lu Sudditalia, spissu considiratu comu nâ parti separata di lu Paìsi.

St’annu, pî l’occasioni di lu cinquantesimu annivirsariu di lu tirrimotu, sî fannu cilibbrazzioni pî ricurdari ddì mumenti e riflissioni ncapu a soccu succidìu e soccu stà succidennu ntâ lu prisenti. A la cirimonia d’apirtura di lu 14 Ginnaru, a Partanna, ci su tra li chiù àuti fiuri istituzzionali di lu Statu. Tra chisti lu Presidenti di la Repùbbrica Italiana, Sergiu Mattaredda, chi avìssi a dari premi di ricanuscimentu a li cristiani chi dèttiru li primi aiuti iroicamenti e cu àutu rischiu pi la sicurezza d’iddi stissi. Ci’ànnu a èssiri puru mumenti di cummemurazzioni dedicati a li cristiani chi sunnu simbuli di ginuinu iruismo duranti ddù piriodu, ma chi un sù chiù ntâ sta Terra, comu Patri Antoniu Ribbordi, chi morsi ricentimenti, e li quattru viggìli di lu focu e lu carrabbineri chi morsiru deci jorna dopu lu tirrimotu, duranti na scossa d’assistamentu, mentri facìanu lu duveri d’iddi in mezzu li casi dirruccàti, circannu li cristiani ancora ntrappulati nta li macerî.
Lu stessu iornu cc’eni puru na missa solenni a Muntivau, cilibbrata di l’arcivìscuvu di Murriali, li vìscuvi di Trapani, Mazzara, Girgenti e l’eparca di Piana di l’Albanisa.
Film, poesii e munologhi ànnu a èssiri didicati a la memoria di lu Belìce e lu tirrimotu nni l’àutri paìsi ntirissati. Inoltri autri eventi e nizziativi su organizzati duranti tuttu l’annu ntâ li paìsi di la Vaddri.

Tutti l’eventi e li nizziativi su possibili razzi a lu “Cordinamentu di li Sìnnaci di la Vaddri di lu Belìce”, chi àvi comu presidenti lu sìnnacu di Partanna Nicola Catania.

[ITA]
Sono passati 50 anni dalla tragica notte tra il 14 e il 15 Gennaio del 1968. Quel giorno il destino dell’intera Valle del Belìce cambiò per sempre. Il terremoto cambiò persino il paesaggio di questa zona. Paesi come Gibellina, Salaparuta e Montevago furono distrutti totalmente, mentre altri paesi come Poggioreale, Santa Margherita del Belìce, Santa Ninfa, Partanna, Salemi, Menfi, Camporeale, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Sambuca di Sicilia, Vita, sono stati invece danneggiati sensibilmente. Sedici scosse di terremoto mutarono il paesaggio di questi luoghi. Città come Gibellina, Salaparuta Montevago e Poggioreale vennero rase al suolo. Le ultime violente scosse della notte del 15 dicembre inghiottirono anche le strade rendendo difficili anche i soccorsi. Nonostante gli aiuti e i finanziamenti il Belice non si è ancora del tutto ripreso da quella ferita. Col tempo molti ebbero la possibilità di costruire anche una seconda casa, ci fu un momento di ripresa ma solo apparente. Molte opere architettoniche, create con modelli di ricostruzione calati dall’alto sono rimaste incompiute, non si è mai creato lavoro e il fenomeno dell’emigrazione non si è mai arrestato. A 50 anni dal terremoto del 68 ci si chiede quale sia il futuro di questo territorio. Ci si chiede quando il sud potrà finalmente essere davvero considerato parte dell’Italia, e quando questa terra si risolleverà. Ancora oggi si sconosce il numero esatto delle vittime e dei feriti. Si stima ci fossero tra 231 e 600 morti e 1000 feriti. Circa 70 mila persone rimasero senza casa.

Quest’anno, in occasione della ricorrenza dei 50 anni del sisma, molteplici saranno le celebrazioni per rievocare quei momenti e per riflettere su quanto avvenuto e su quanto oggi avviene. Un momento commemorativo a cui verrà dato il giusto risalto. Alla cerimonia inaugurale delle celebrazioni ce si terrà il 14 gennaio saranno presenti le massime autorità politiche e istituzionali tra queste il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che consegnerà i riconoscimenti alle persone che prestarono i primi soccorsi. Non mancheranno i momenti per ricordare altre persone simbolo di quel periodo che tanto fecero per il territorio e la gente che ne fu vittima, come padre Antonio Riboldi da poco scomparso e i 4 vigili del fuoco e del carabiniere morti dieci giorni dopo durante una successiva forte scossa, nel compimento del loro dovere tra quelle case pericolanti. E poi ancora una messa solenne a Montevago celebrata dai vescovi di Trapani, Mazara, Agrigento.
Film, poesie e monologhi dedicati alla Valle del Belice e agli altri paesi coinvolti dal terremoto. Tutte le manifestazioni sono possibili grazie al Coordinamento dei sindaci del Belice cui è presidente il sindaco di Partanna Nicola Catania.

foto di Gibellina Over View – su Pinterest

Laureato in Scienze Storiche a Roma, prosegue i suoi studi a Milano focalizzandosi sul Medioevo siciliano e mediterraneo. Curioso ed estroverso, amante dei libri e appassionato d’informatica, ha concretizzato la sua passione per i viaggi e le lingue collaborando con Rome2rio, azienda australiana specializzata nella pianificazione di viaggi. Adora ascoltare musica in lingua siciliana e suona il sax-alto.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE