PartannaLive.it


Riapre Sicilifert, in corso l’attivazione del Polo Tecnologico di Castelvetrano. Si auspica di avere l’autonomia necessaria

Riapre Sicilifert, in corso l’attivazione del Polo Tecnologico di Castelvetrano. Si auspica di avere l’autonomia necessaria
23 Luglio
18:30 2019

PARTANNA. È stata emanata un’apposita ordinanza dal Commissario straordinario del Libero Consorzio di Trapani dottor Raimondo Cerami che consentirà il conferimento della frazione umida verso la Sicilfert di Marsala, pronta ad accogliere circa 5mila tonnellate al mese di rifiuti prodotti dai Comuni delle Srr “Trapani Nord” e “Trapani Sud”.

“Nella giornata di sabato, intorno alle 20, è arrivato il parere positivo dell’Arpa sulla bozza dell’ordinanza predisposta dal segretario del Libero Consorzio dott. Giuseppe Scalisi su indirizzo del Commissario straordinario Raimondo Cerami – spiega il sindaco di Partanna e presidente della Srr ‘Trapani Sud’ Nicolò Catania – e nella giornata di domenica 21 luglio il segretario del Libero Consorzio dottor Scalisi, con la collaborazione degli uffici preposti, si è subito messo al lavoro per rendere esecutivo il provvedimento in modo da poter riaprire già da lunedì 22 luglio la Sicilfert. I comuni della provincia di Trapani possono quindi tirare un sospiro di sollievo. Gli enti locali potranno iniziare il conferimento predisponendo un’apposita turnazione idonea ad eliminare da subito l’emergenza che si era venuta a creare. Un ringraziamento doveroso va quindi all’impegno e agli sforzi del dottor Cerami e del dottor Scalisi, uniti alla disponibilità e operosità degli uffici del Libero Consorzio, che di concerto con tutti i rappresentanti istituzionali coinvolti ha effettuato in tempi celeri gli atti necessari per sopperire all’emergenza, scongiurando una crisi che avrebbe causato enormi disagi ai comuni del trapanese”.

Nel frattempo procede anche il percorso di attivazione di una campagna mobile nel Polo Tecnologico di Castelvetrano che sarà possibile solo in seguito all’ordinanza del Commissario straordinario del Libero Consorzio che ha individuato la società “Trapani servizi” come ente pubblico gestore. Per il completamento delle operazioni si attende solo il parere dell’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente) perché tutti gli altri pareri sono stati acquisiti. Sono questi gli esiti dell’ultima riunione fiume che si è svolta ieri in Prefettura per risolvere la crisi del conferimento dell’organico che sta interessando i comuni del trapanese e non solo.

All’incontro con il prefetto di Trapani Tommaso Ricciardi hanno preso parte i presidenti delle Srr Trapani Nord e Trapani Sud, rispettivamente il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo e di Partanna Nicolò Catania, oltre a un rappresentante dell’Arpa, alcuni rappresentanti della Regione siciliana, dell’Asp, della società Trapani servizi, i vertici della Sicilfert e del Libero Consorzio nella persona del commissario straordinario Raimondo Cerami e del segretario dottore Scalisi. “Dopo aver preso visione della documentazione prodotta da Sicilfert, presente al tavolo – spiegano il primo cittadino Nicolò Catania e il collega Alberto Di Girolamo – le due Srr, a nome dei comuni coinvolti, hanno chiesto al Commissario straordinario del Libero Consorzio di Trapani di emanare un apposito provvedimento ai sensi dell’art. 191 per autorizzare il conferimento di almeno 5000 tonnellate al mese nell’unica struttura esistente sul territorio”. “Dietro le nostre richieste pressanti – continua Catania – il Libero Consorzio, acquisiti i pareri positivi dell’Asp, si è dichiarato disponibile nella emanazione dell’ordinanza di conferimento e dal canto suo il direttore regionale dell’Arpa, al termine dei colloqui intercorsi telefonicamente con il prefetto, ha assicurato che darà subito il suo parere sulla bozza dell’ordinanza.

Motivo per il quale ringrazio il prefetto, il suo capo di gabinetto e gli uffici della prefettura, per l’interessamento, il costante impegno e la disponibilità a trovare delle soluzioni idonee a risolvere la crisi a vantaggio di tutto il territorio”. “Nel frattempo – conclude il presidente della Srr Trapani Sud – la procedura che riguarda il Polo tecnologico di Castelvetrano prosegue parallelamente e a breve si spera di avere l’autonomia necessaria”.

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Il cittadino Segnala

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE