PartannaLive.it


“Gibellina sostenibile”, al via il nuovo corso nella gestione delle politiche ambientali

“Gibellina sostenibile”, al via il nuovo corso nella gestione delle politiche ambientali
24 luglio
15:04 2015

A Gibellina, con l’insediamento della Giunta comunale, è iniziato il nuovo corso nella gestione dell’ambiente. Nel primo mese di attività, il sindaco Salvatore Sutera, coadiuvato dall’assessore Gioacchino De Simone, ha programmato le proprie attività ambientali secondo tre linee direttrici: manutenzione straordinaria del verde pubblico, studio del sistema integrato della raccolta rifiuti, monitoraggio ambientale e urbanistico. Il Comune di Gibellina ha lanciato lo slogan #GibellinaSostenibile.

Con il sostegno dei consiglieri eletti e la fattiva collaborazione del personale, è stato messo in atto un piano straordinario di manutenzione del verde pubblico. Lo scopo è quello di riportare velocemente i giardini, le aiuole, le strade carrabili e pedonali al decoro che ha contraddistinto Gibellina in anni lontani e che le hanno fatto ottenere importanti riconoscimenti (Premio “La Città per il Verde” nel 2003). L’attività di manutenzione straordinaria sin qui svolta ha interessato solo il 50% del vastissimo patrimonio gibellinese.

Nell’immediato è stata disposta, anche, una riorganizzazione del servizio di raccolta rifiuti, con la predisposizione di nuovi calendari per il trimestre estivo (disponibili sul sito internet del Comune) e la riapertura dell’isola ecologica della città. L’amministrazione comunale ha deciso anche di puntare sul compostaggio domestico: i rifiuti organici prodotti dalle famiglie diventano concime naturale. Nei primi giorni di luglio, tramite un primo passaparola informale, è stato dato un importante impulso alla diffusione delle compostiere, riprendendo un progetto della Belice Ambiente del maggio 2010: sono state consegnate 15 nuove compostiere ad altrettanti nuclei familiari che ne hanno fatto richiesta. Il numero in sé è il triplo della quantità di compostiere presenti in città dal 2005 ad oggi: 15 nuove famiglie potranno, così, partecipare alla riduzione dei rifiuti prodotti scegliendo la strada del compost biologico, ricevendo al contempo una riduzione del 20% della parte variabile della tariffa.

Ma è proprio la Giunta comunale a lanciare segnali di svolta: su impulso dell’assessore De Simone l’amministrazione comunale ha deciso di tornare a utilizzare i bicchieri e le bottiglie in vetro, dicendo basta all’utilizzo indiscriminato della plastica. È allo studio, anche, un progetto di avvio della raccolta differenziata nei locali comunali che producono ad oggi solo rifiuti indifferenziati e avviano carta, plastica e rifiuti da ufficio in discarica.

Con la collaborazione degli uffici comunali del settore Ambiente, il sindaco e l’assessore hanno dato il via ad una significativa azione di analisi delle quantità di rifiuti prodotti a Gibellina negli ultimi anni. Questi i dati raccolti partendo dai documenti ufficiali forniti dalla Belice Ambiente Spa: nel 2014, sul territorio comunale sono stati prodotti complessivamente 1 milione e mezzo di kg di rifiuti, con la differenziata poco sopra il 35%, e quasi 1.5 kg al giorno ad abitante di rifiuti prodotti. I dati dimostrano come negli ultimi anni la raccolta differenziata si è inesorabilmente ridimensionata: siamo lontani dagli anni in cui Gibellina era “Comune riciclone” con quasi il 62% di raccolta differenziata. Oggi i gibellinesi sono responsabili di una produzione annua di quasi 500 kg di rifiuti a testa: numeri impressionanti che devono far riflettere e spingere la città verso la prevenzione della produzione dei rifiuti, il riutilizzo delle risorse e la differenziazione. Lo scopo della nuova gestione ambientale della città è quello di fare tornare Gibellina tra i comuni virtuosi e, quindi, nella lista dei “Comuni ricicloni” di Legambiente.

A pochi giorni dal giuramento, l’assessore De Simone ha rappresentato Gibellina all’Infoday nazionale sul Programma Life 2015, organizzato dal Ministero dell’Ambiente presso “La Sapienza” di Roma, per studiare l’accesso ai fondi europei sul clima e l’ambiente. Successivamente De Simone ha partecipato al Convegno nazionale sui rifiuti organizzato dal Comune di Palermo, volto a rendere più efficiente il sistema di gestione dei rifiuti, incentivare la raccolta differenziata e il recupero dei materiali e individuare modalità di gestione più efficaci. Infine, l’assessore, con i dipendenti dell’ufficio TARI, ha preso parte alla Giornata di formazione ANUTEL sulla tariffa dei rifiuti, a Carini, per approfondire le tematiche relative alla Tariffa rifiuti 2015 (aspetti tecnici, controlli, evasione/elusione).

Il sindaco Sutera ha chiesto all’assessore De Simone di dare vita ad incontri con i soggetti istituzionali impegnati nel ciclo della gestione dei rifiuti: il 7 luglio 2015 l’assessore ha incontrato a Palermo, presso l’Osservatorio regionale sui rifiuti, l’ex commissario straordinario della Belice Ambiente Silvia Coscienza, con la quale ha tracciato le prospettive del nascente “Aro Gibellina”; l’indomani De Simone si è recato alla Belice Ambiente Spa dove ha affrontato, con Vincenzo Accardo, la tematica dei proventi della raccolta differenziata e dell’Accordo Anci/Conai e, con Giacomo Lombardo, ha concordato una visita al Polo tecnologico–centro di compostaggio di Castelvetrano.

Relativamente all’urbanistica, l’amministrazione comunale ha cominciato un censimento della viabilità, della segnaletica stradale, dei parcheggi riservati ai cittadini con particolari esigenze di mobilità, dello stato delle strade carrabili e pedonali. È stato, inoltre, istituito un gruppo di studio sulle norme tecniche vigenti sul Comune. Il sindaco della città ha intenzione di incontrare i tecnici e i professionisti di Gibellina per affrontare assieme la prima esperienza di progettazione urbanistica partecipata della città.

Testo integrale

Comune di Gibellina

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE