PartannaLive.it


Orestiadi: ‘1968/1978: UNA GENERAZIONE DIVISA?’ e ‘La fantasia al potere: 1968/1978, musiche e storie di una generazione’

Orestiadi: ‘1968/1978: UNA GENERAZIONE DIVISA?’ e ‘La fantasia al potere: 1968/1978, musiche e storie di una generazione’
29 luglio
13:00 2018

A Gibellina, in occasione della 37° Edizione delle ORESTADI, andrà in scena un lungo week end in cui il tema portante del Festival (1968, niente fu più come prima) entrerà nel vivo. Andranno in scena storie, suggestioni e ricordi di quegli anni, si proverà a raccontare il decennio sessantotto-settantotto, si parlerà di utopie, di rivoluzione, di storia. A cinquant’anni di distanza proveremo a ripercorrere anni travagliati e intensi, attraverso tre spettacoli e due incontri.

Domenica 29 luglio, alle 19.30, in Terrazza, si terrà l’incontro dal titolo,1968/1978: UNA GENERAZIONE DIVISA?’, con Marco Baliani, Maria Maglietta e Calogero Pumilia.

Alle 21,15 (Baglio di Stefano, Montagna di Sale) performance musicale dal titolo ‘La fantasia al potere: 1968/1978, musiche e storie di una generazione’, con Paolo Briguglia e Fabrizio Romano, musiche arrangiate ed eseguite da Diego Spitaleri e Dario Sulis, con Giuseppe Costa, Salvo Correri, Marcello Mandreucci. Un racconto fatto di musica e parole guiderà il pubblico dentro quegli anni, dentro quel decennio, tra il 1968 e il 1978, dal terremoto del Belice al Caso Moro. Un concerto narrato una colonna sonora di una generazione, di quella generazione, con canzoni di protesta, canzoni di libertà e sarà appunto la fantasia a prendere il comando di quest’inedita serata generazionale.

Ingresso intero   € 12,00 – Ingresso ridotto    €   8,00 (Studenti universitari – in possesso di libretto in corso di validità – Giovani under 25Adulti over 65 – Possessori PMO card – Residenti nel Comune di Gibellina – Soci Unpli – ABBONAMENTO    € 65,0. Gli incontri in terrazza sono ad ingresso libero.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE