PartannaLive.it


5 domande a… Gaetano Lo Monaco, direttore generale dell’Adelkam-Milan

5 domande a… Gaetano Lo Monaco, direttore generale dell’Adelkam-Milan
09 agosto
09:00 2018

Gaetano Lo Monaco, alcamese doc, classe 1960 e una vita dedita all’insegnamento e allo sport, legati da un filo indissolubile nella propria carriera professionale e non solo. La mattina insegna infatti Microbiologia ai ragazzi dell’Istituto Superiore «Mattarella Dolci» di Alcamo. Durante le ore pomeridiane invece si dedica all’ASD Costa Gaia Adelkam, scuola di calcio giovanile, rivolta ai bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni, con sede sempre ad Alcamo, che ha come obiettivo quello di formare non solo giovani promesse del calcio, ma soprattutto uomini.

  1. Che ruolo svolge esattamente all’interno dell’Adelkam e da quanto tempo?

L’attuale scuola Costa Gaia Adelkam nasce nel 2015. In realtà fino a quella data si chiamava Scuola Calcio Adelkam. È più di trent’anni che mi occupo di attività giovanile all’interno della stessa e gestisco un po’ tutto, dal rapporto con le istituzioni, a quello con gli allenatori e non dimentichiamoci quello con i genitori, spesso troppo esigenti verso i propri figli.

 

  1. Siete diventati da poco un club affiliato del Milan, una delle squadre più forti in Italia. Come nasce questa collaborazione?

Si, è una novità di quest’anno. Essenzialmente nasce da un progetto sulla formazione degli “adulti” (e non per acquisire materiale sportivo come molti potrebbero pensare), con dei corsi di formazione che il Milan svolge a Milano durante l’anno. Il 30 agosto prossimo parteciperò io stesso ad uno di questi incontri, seguirà poi quello per i direttori tecnici e per gli allenatori, che potranno così confrontarsi con la realtà di un club blasonato com’è quello del Milan.

 

  1. Sappiamo che l’obiettivo dell’ASD Costa Gaia Adelkam non è solo quello di “sfornare” futuri giocatori di calcio. È vero?

Si, il nostro lavoro all’interno della società non si limita a formare dei “campioncini”. Per noi è molto importante la crescita dei nostri ragazzi anche dal punto di vista morale. Lo studio infatti non deve essere assolutamente tralasciato. Alla chiusura di ogni quadrimestre chiediamo di visionare le pagelle per vedere se i nostri tesserati mantengono durante l’anno un buon rendimento a scuola, in modo tale da avere dei profitti sia nell’attività sportiva che in quella scolastico, per un futuro migliore.

  1. In che modo viene invece svolta la preparazione tecnica dei giovani calciatori?

I ragazzi si allenano tre volte a settimana. Avendo moltissimi tesserati, più di 250, utilizziamo diversi impianti per il loro allenamento, non solo quelli comunali ma anche in affitto. Di solito utilizziamo i campi di calcetto per i più piccoli, il campo del centro tecnico per i più grandi. La stagione inizia solitamente ad agosto con una serie di tornei a cui partecipiamo. Il 29 agosto partiremo infatti per Città di Castello, in Umbria, per un torneo che si svolge da più di trent’anni, in cui veniamo invitati a partecipare ogni anno e che spesso ci ha visti primeggiare. Durante le vacanze natalizie, ormai da tradizione, organizziamo invece il Torneo Costa Gaia, dal 27 dicembre al 6 gennaio, che rappresenta sempre un momento di crescita e confronto per i nostri ragazzi.

  1. Ci sono stati ragazzi che dopo aver terminato la propria esperienza all’interno dell’Adelkam hanno poi continuato la propria carriera calcistica?

Si tantissimi. Vi faccio solo alcuni nomi. Giuseppe Scurto, attuale allenatore della Primavera del Palermo, poi c’è Provenzano, ragazzo proveniente da Balestrate che ha esordito in serie A con il Messina. Il nostro “fiore all’occhiello” Gabriele Alesi, attuale giocatore del Milan. Ma ci sono molti altri ragazzi che continuano a giocare in tutta Italia.

 

Amante della scrittura, abile disegnatrice, scrive per “Il Giornale di Sicilia”. Si definisce una ragazza con la testa tra le nuvole ma con i piedi ben piantati per terra.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE