PartannaLive.it


Intervista a Ferdinando Lentini…un trapanese alla conquista di Ragusa

Intervista a Ferdinando Lentini…un trapanese alla conquista di Ragusa
07 novembre
23:19 2012

Tra i tanti personaggi della provincia trapanese che si sono distinti nel mondo dello sport, e in particolare della pallavolo, spicca il nome di Ferdinando Lentini, atleta castelvetranese nato a Mazara del Vallo l’1/10/1985. 190 cm di altezza, ottima tecnica e visione di gioco, spirito di sacrificio…, ma soprattutto un’incredibile elevazione che sembra farlo volare in campo: sono solo alcune delle qualità che hanno permesso a Ferdinando di farsi conoscere ed apprezzare dagli addetti ai lavori, e che oggi gli permettono di essere un “nome” conosciuto nel settore. Cresciuto nei campi della sua Castelvetrano, Lentini ha militato anche in squadre di miglior blasone, come Sciacca, Mazara e Caltanissetta, e in più può vantare partecipazioni anche nella rappresentativa universitaria di Palermo, del quale è sempre stato uno degli anelli portanti. PartannaLive ha avuto il piacere di incontrarlo e di porgergli alcune domande:

1) Ferdinando, hai iniziato a giocare esclusivamente in squadre della tua provincia, ma ora da un po’ di tempo sei oggetto di mercato delle squadre di tutta la sicilia…che sensazione ti provoca tutto questo interesse?
– La pallavolo è una delle mie passioni più grandi. Sono felice che il mio talento sia stato apprezzato. Inoltre giocare nella mia Sicilia è sempre una grande emozione.

2) Quest’anno giochi a Ragusa, una squadra molto competitiva e che può vantare grandi ambizioni nel campionato di b2: cosa ti sta dando a livello personale il fatto di lavorare in palestra con mostri sacri come Manuel Benassi?
– Sono soddisfatto di aver scelto Ragusa, non potevo fare scelta migliore. Siamo stati giudicati come squadra rivelazione del campionato, ma dobbiamo conquistarci il rispetto del avversario partita dopo partita in campo. A livello personale mi ritengo fortunato ad avere in palestra Manuel Benassi, oltre che un fuoriclasse in campo è una persona eccezionale dalla quale posso solo imparare.

3) C’è qualche persona che vuoi ringraziare in modo particolare per averti avviato e lanciato in questo sport?
– I coniugi Balinski, meglio conosciuti come “i polacchi”. Se oggi sono arrivato a questi livelli lo devo a loro. Un pensiero speciale poi va alla mia ex squadra Essepiauto Mazara, della quale sono stato capitano per 2 anni, e nella quale ho avuto il piacere di giocare insieme ai miei più cari amici.

4) Ti vediamo spesso giocare in estate sulle spiagge a beach volley: a parer tuo, quanta differenza c’è tra le due discipline?
– Noi pallavolisti ci riteniamo fortunati perchè possiamo divertirci praticando lo sport che ci appassiona sulle nostre splendide spiagge: per quanto riguarda le differenze, lo sforzo fisico è maggiore sia per la superficie che per il numero di giocatori.

5) La pallavolo rientra tra i progetti del tuo futuro?
– Prevedo un futuro nel mondo della pallavolo…mi piacerebbe mettere il mio sapere a disposizione dei giovani che si approcciano a questo sport.

6) C’è qualche campione a cui ti sei ispirato per apprendere i segreti del volley?
– Giba, capitano numero 7 del Brasile.

PartannaLive ringrazia il giocatore, e amico, Ferdinando Lentini, augurandogli i migliori auspici per il proseguo della sua carriera sportiva e non, nella speranza che possa essere un valido esempio per tanti giovani emergenti, e che la provincia trapanese possa continuare a formare uomini e giocatori di spessore in grado di portare alta il nome “Trapani” nell’ambiente  sportivo regionale e nazionale.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE