PartannaLive.it


Mercoledì Mario Giordano presenta a Marsala “Non vale una lira”

Mercoledì Mario Giordano presenta a Marsala “Non vale una lira”
28 luglio
14:25 2014

ImmagineUn manifesto a favore dell’uscita dell’Italia dall’euro. Si presenta così “Non vale una lira”, ultimo libro del giornalista piemontese Mario Giordano, che sarà protagonista del quarto appuntamento con la rassegna “Marsala Incontra”, in programma mercoledì 30 luglio alle 18.30, presso il Convento del Carmine.

Il direttore del Tg4, in questo saggio, punta l’indice contro chi ha scommesso sull’unione monetaria, pensando che avrebbe portato fisiologicamente gli Stati membri ad una politica comune. Una scelta che effettivamente non ha ancora prodotto i risultati sperati, mentre in diversi paesi del continente acquisiscono consensi crescenti i movimenti “No Euro”. Al contempo, Giordano porta avanti la tesi secondo cui il ritorno alla lira avrebbe effetti benefici sull’economia italiana e aiuterebbe il paese ad uscire dalla crisi economica che sta vivendo.

Dopo gli esordi con il settimanale cattolico “Il nostro tempo” e il quotidiano “L’informazione”, il giornalista piemontese ha collaborato con la trasmissione “Pinocchio” di Gad Lerner per poi passare a Mediaset, dirigendo per sette anni (dal 2000 al 2007) Studio Aperto. Dopo due anni alla guida de “Il Giornale”, nel 2012 passa a Libero e dal 24 gennaio 2014 dirige il Tg4, in sostituzione di Giovanni Toti.

mario giordanoNel corso dell’incontro, Mario Giordano (nella foto a sinistra) dialogherà con il giornalista Vincenzo Figlioli, direttore del quotidiano Marsala C’è e dell’emittente Radio Itaca.

La rassegna “Marsala Incontra” è organizzata dalla libreria Mondadori e dall’agenzia Communico e si avvale del supporto di Unipol Banca, del patrocinio dell’amministrazione comunale e della partnership dell’osteria “Il Gallo e l’Innamorata”.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE