PartannaLive.it


Avviato laboratorio didattico alla scuola dell’infanzia del secondo circolo di Castelvetrano

Avviato laboratorio didattico alla scuola dell’infanzia del secondo circolo di Castelvetrano
02 dicembre
15:45 2015

didattica laboratoriale 2Avviato da un team di docenti un progetto laboratoriale per tre giorni alla settimana. Le sezioni della scuola dell’infanzia del secondo circolo di Castelvetrano hanno aperto infatti le porte ai piccoli utenti della scuola per offrire loro una ricca opportunità educativa attraverso alcuni laboratori (Creativo, naturalistico, inglese, teatrale, pittorico, musicale). E’ risaputo ormai da tanto tempo che la scuola dell’infanzia è il luogo del “fare e dell’agire” dei bambini ma spesso si cade in contraddizioni, in quanto si passa facilmente ad una didattica trasmissiva che non permette al bambino di fare un’esperienza diretta … ma vediamo di cosa si tratta: la didattica laboratoriale si connota nell’immagine collettivo, per la sua capacità di coinvolgimento, di suscitare interesse e motivazione- Insomma: ATTIVITA’ contro PASSIVITA’, AZIONE contro ASCOLTO, DIVERTIMENTO contro NOIA. L’attività concreta del laboratorio è interpretata come contesto in cui l’azione stimola il pensiero, ricordatevi, non dobbiamo addestrare i nostri bambini ma dobbiamo lasciare il posto al fare….. per pensare, per imparare, per scoprire…. la centralità del bambino nel processo di apprendimento è fondamentale. Nell’attività laboratoriale, il bambino utilizza più canali sensoriali, uditivo, tattile, visivo e cinestetico, ”bisogna insegnare ai bambini a pensare non a cosa pensare”. Il bambino, nei giorni stabiliti dei laboratori, sceglie di volta in volta il laboratorio dove andare. La capacità di assumersi responsabilità, di essere autonomi, di avere capacità di scelta, sono processi paralleli allo sviluppo fisico e cognitivo del bambino. Il laboratorio contribuisce a sviluppare e rafforzare la consapevolezza di sè come persona, l’autostima e la fiducia nell’altro. Un’altra caratteristica positiva della didattica laboratoriale è ritrovare la pazienza nel fare le cose. I bambini sono abituati, anche a casa, a passare da una cosa all’altra in maniera sempre più frenetica, presi spesso dall’ansia “cosa facciamo dopo”: questo li porta ad affrontare i compiti che li attendono con grande superficialità, sempre proiettati verso la prossima novità che li aspetta, legato a questo c’e’ anche la facilità nel fare le cose ma in questa facilitazione della vita i bambini hanno solo da perdere perché, come ci insegnano i psicologi del novecento, i bambini imparano solo FACENDO. Per questo è importante rivalutare il ruolo cognitivo del fare: di un fare concreto legato a materiali, strumenti vari, gesti veri, non simulati non virtuali. Proprio in un momento come questo dove tutto sembra finto, dove anche gli adulti fanno fatica a distinguere il reale dal reality, è importante riportare i bambini alla concretezza delle cose, al fare con perizia, pazienza, costanza. Il nostro lavoro consiste nel creare ambienti che sostengano l’apprendimento, scegliendo attività dominabili dai bambini di questa fascia d’età, insomma, credetemi, si tratta di un’esperienza significativa per chi la vive. I laboratori si propongono come “una palestra per imparare ad imparare”, dove l’apprendimento di abilità e conoscenze da parte del bambino sono viste come il risultato di un processo che si fonda sul fare, sull’esperienza diretta, sull’attività, sulla sperimentazione concreta.didattica laboratoriale 3 Abbiamo parlato di scuola nuova, non moderna, perchè basterebbe rivedere i metodi dei pilastri fondamentali della pedagogia (Waldorf, Montessori, Piaget) per capire come creare un essere pensante e non un bambino “di serie”. I bambini, come i nostri figli, non sono tutti uguali nel loro percorso di apprendimento e non dobbiamo pretendere che siano uguali….NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA DARE “PARI OPPORTUNITA’” non significa che tutti saranno perfettamente uguali ma vuol dire che acquisiranno le competenze necessarie per passare al grado scolastico successivo più serenamente possibile e, in questo viaggio, noi adulti avremo il compito di saper valorizzare quello che hanno fatto per passare al successivo miglioramento. Per finire, la didattica laboratoriale fa sì che la nostra scuola diventi una scuola inclusiva, che si muova sul “binario del miglioramento organizzativo perché nessun alunno sia sentito come non appartenente non pensato e quindi non accolto” (P.Sandri, Scuola di qualità e inclusione Master “Didattica e Psicopedagogia”). Non posso non ringraziare il dirigente scolastico Giuseppe Ancona che ha creduto in questo progetto e tutti i genitori degli alunni che con grande partecipazione hanno contribuito a realizzare quest’esperienza certamente significativa per il processo di crescita dei loro figli. GRAZIE ANCORA!!!!

Marilena Romeo

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE