PartannaLive.it


Convegno sulla Mandorlicoltura a Salemi: combattere la crisi con le mandorle

Convegno sulla Mandorlicoltura a Salemi: combattere la crisi con le mandorle
11 dicembre
21:51 2015

Un dibattito intenso e ricco di spunti quello andato in scena nel Centro Kim di Salemi lo scorso 9 dicembre. Al convegno “Mandorlicoltura superintensiva. Innovare per competere nel mondo” relatori e presenti si sono confrontati sulle opportunità che può offrire la diffusione di questa tecnica di coltivazione.

Oltre 200 persone davvero interessate alla mandorlicolturaha commentato l’avvocato Pasquale Perricone, moderatore del Convegnoe all’introduzione di nuovi sistemi di coltivazione sul territorio che possano realmente apportare benefici all’economia locale. Inoltre, siamo vicini alla presentazione dei bandi per il Piano di Sviluppo Rurale in Sicilia: un’opportunità concreta per gli imprenditori agricoli trapanesi”.

Affrontati nel dettaglio gli aspetti tecnici e agronomici, ma anche e soprattutto commerciali, in relazione alla possibile introduzione nel Trapanese, e in tutta la Sicilia Occidentale, dei nuovi sistemi di mandorlicoltura superintensiva. In questo momento vi sono numerosi agricoltori e viticoltori che hanno venduto i catastini, soprattutto al nord, e hanno terreni vuoti e inutilizzati: le mandorle potrebbero essere l’alternativa ideale per contrastare la crisi e produrre un reddito soddisfacente.

Ed è proprio per la necessità di rispondere alla crisi delle imprese agricole siciliane che è stato pensato il Convegno di Salemi: informare agricoltori e imprenditori sulle potenzialità dei nuovi sistemi utilizzabili nella coltivazione del mandorlo e sulle opportunità derivanti dai contributi del Piano di Sviluppo Rurale e da un investimento in un settore alternativo e redditizio. Il tutto attraverso il racconto di esperienze già vissute sul territorio siciliano.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE