PartannaLive.it


Santa Ninfa: requisita l’isola ecologica

Santa Ninfa: requisita l’isola ecologica
05 febbraio
13:02 2016

Per fronteggiare l’emergenza rifiuti scaturita dalla decisione del commissario straordinario della «Belice Ambiente» di sospendere a tempo indeterminato la raccolta negli undici comuni dell’Ato Tp2, il sindaco Giuseppe Lombardino ha disposto la requisizione dell’isola ecologica (nella foto) concessa, in comodato, alla società d’ambito. Con la stessa ordinanza, il primo cittadino ha autorizzato, almeno fino al 15 febbraio, il deposito temporaneo dei rifiuti organici nella stessa isola ecologica, che si trova nel prolungamento della via Manzoni, a fianco all’area per la raccolta indifferenziata, dove i cittadini potranno conferire, in via straordinaria, i rifiuti solidi urbani in attesa che la situazione torni alla normalità.

Il sindaco, anche per scongiurare rischi di ordine pubblico e di carattere igienico-sanitario, ha già disposto l’intervento in via sostitutiva per l’espletamento del servizio, che sarà affidato ad una ditta esterna.

Il Comune di Santa Ninfa è in regola con i pagamenti delle fatture dovute alla «Belice Ambiente» secondo il Piano economico-finanziario approvato dal Consiglio comunale il 29 luglio 2015. Il Comune vanta anzi un credito di 44.794 euro: si tratta dei canoni di locazione per i locali di proprietà comunale dove ha sede la società d’ambito e del costo dell’energia elettrica consumata nella stessa sede.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE