PartannaLive.it


Progetto “Differenziandoci”: iniziati gli incontri nelle scuole marsalesi

Progetto “Differenziandoci”: iniziati gli incontri nelle scuole marsalesi
11 marzo
14:49 2016

Sono già partiti i primi incontri conoscitivi e di formazione all’interno degli istituti scolastici del territorio marsalese in merito al progetto “Differenziandoci”, promosso da Aimeri Ambiente e Comune di Marsala per sensibilizzare i giovanissimi alunni delle scuole primarie – e di conseguenza anche le loro famiglie – sul corretto modo di conferire i rifiuti e sull’importanza di mantenere pulito l’ambiente, rispettando alcune, semplici regole del vivere civile.

Lo scorso martedì si è volto un primo incontro informativo con le insegnanti del 6º Circolo “G. Sirtori” di Marsala. Un’operatore ha illustrato le fasi della differenziata, aggiornando i docenti sulle attività ludico-didattiche e i concorsi a tema rivolti agli alunni che parteciperanno all’iniziativa.

Il dato della raccolta differenziata a Marsala è un dato deludente – afferma l’assessore Annamaria Angileri – pensiamo che tanto vada ancora fatto per fare capire che il rifiuto è una risorsa e che differenziare vuol dire operare bene per la comunità. Formare le nuove generazioni in tal senso è strategico da un punto di vista amministrativo e sociale. Differenziandoci, un progetto condiviso con Aimeri, va proprio in questa direzione. Con un modulo dedicato agli insegnanti delle scuole primarie che in qualità di educatori hanno il compito importantissimo di disseminare le buone pratiche. E un modulo ludico direttamente dedicato all’educazione degli alunni delle primarie”.

Il progetto vedrà impegnati gli alunni della scuola primaria, con visite nei centri di raccolta differenziata e in discarica. In più, è stata concordata anche un’azione sul campo: in collaborazione con gli operatori dell’Aimeri, gli studenti raccoglieranno le cicche abbandonate in strada, svolgendo altresì opera di sensibilizzazione verso i propri coetanei e i cittadini in genere.

Un modo per far concepire la scuola come il luogo da cui far scaturire le “buone pratiche” e un’occasione per responsabilizzare i giovani alla raccolta differenziata, educandoli al corretto conferimento e permettendo loro di assistere al processo e ai vantaggi del riciclo dei rifiuti.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE