PartannaLive.it


A Trapani sit in Cgil, Cisl e Uil per mancato pagamento ammortizzatori sociali

A Trapani sit in Cgil, Cisl e Uil per mancato pagamento ammortizzatori sociali
18 aprile
22:08 2016

Il Prefetto di Trapani Leopoldo Falco si è impegnato a rappresentare le istanze degli oltre 800 lavoratori trapanesi attualmente in attesa degli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2015 presso il Governo regionale e quello nazionale. Un passo avanti, dunque, è stato compiuto stamattina in una vicenda che crea disagio a moltissime famiglie in provincia, cosi come nel resto della Sicilia.

Il Prefetto ha incontro tra i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil Trapani, insieme al direttore provinciale dell’Inps e al responsabile della Direzione provinciale del Lavoro, conseguentemente a un sit in organizzato dai sindacati con i lavoratori in attesa degli ammortizzatori 2015.

Riteniamoaffermano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Trapani Filippo Cutrona, Daniela De Luca ed Eugenio Tumbarelloche l’incontro di stamattina sia stato proficuo poiché da un lato abbiamo ricevuto l’impegno del Prefetto a intervenire, dall’altro lato poiché ci ha permesso un confronto contemporaneamente con Inps e Ufficio provinciale del lavoro. Nel corso dell’incontro il direttore dell’Inps si è impegnato a verificare la posizione dei 63 lavoratori per cui era stata già decretata la concessione. Adesso aspettiamo che la Regione, dopo le proteste in tutta la Sicilia, possa procedere i tempi brevi alla stipula dell’accordo quadro per lo scorso anno. Non si possono lasciare lavoratori e rispettive famiglie ancora col fiato sospeso“.

A Trapani nel 2014 i lavoratori in mobilità in deroga sono stati 642, circa 860 nel 2015. Per la Cig in deroga per il 2015 sono state accolte finora solo 23 domande per 170 lavoratori, nel 2014 sono stati 478 lavoratori ad aver chiesto l’ammortizzatore.

Le somme stanziate per gli ammortizzatori sociali sia per il 2015 sia per il 2016 sono insufficienti rispetto alle reali esigenze del territorioconcludono Cutrona, De Luca e Tumbarellofacciamo appello pertanto al Governo affinché le cifre vengano riviste ed adeguate”.

Chiara Damiano

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE