PartannaLive.it


Trapani: sorpresi all’interno della Scuola Buscaino Campo, arrestati

Trapani: sorpresi all’interno della Scuola Buscaino Campo, arrestati
27 febbraio
21:57 2017

Giovanni Maltese

I militari del Nucleo Radiomobile di Trapani hanno sventato un furto alla Scuola Buscaino Campo di via Lina Marini, in zona mercato del pesce.

L’edificio, di proprietà comunale e in disuso dal 2013, è stato più volte preso di mira da vandali e sciacalli, che ne hanno accelerato il processo di degrado. Per le condizioni di abbandono in cui versa la struttura, circa due anni fa, era anche finita al centro di una inchiesta del noto TG satirico di Canale 5 “Striscia la Notizia”. Tuttavia gli attacchi da parte di ladri e profittatori non hanno avuto termine.

Venerdì pomeriggio, in tre si sono introdotti nel cortile dell’ex scuola per accaparrarsi alcuni oggetti di mobilio, ancora presenti all’interno dell’edificio, e parte degli infissi della struttura.

Giuseppe Maltese

Una telefonata ha però avvisato i Carabinieri che tempestivamente si sono recati sul posto, sorprendendo il più giovane dei tre intento a caricare parte della merce su una moto-ape, mentre i due complici erano ancora all’interno della scuola a rovistare tra quello che rimane degli arredi per procacciare ulteriore refurtiva.

A finire in manette sono stati Maltese Giuseppe, 44enne di Paceco, Maltese Giovanni, 51enne pacecoto, Fortunato Anthony, 27 trapanese, tutti già noti alle forze dell’ordine.

Al termine della compilazione degli atti, i tre sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. Nella mattinata di sabato, presso il Tribunale di Trapani, dopo la convalida dell’arresto, il GIP ha disposto per tutti e tre l’obbligo di dimora nei comuni di Trapani e di Erice.

Testo integrale

Comando Provinciale Carabinieri di Trapani

Anthony Fortunato

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE