PartannaLive.it


Salemi, rientra l’emergenza loculi. Angelo: “Cento nuovi posti in pochi mesi”

Salemi, rientra l’emergenza loculi. Angelo: “Cento nuovi posti in pochi mesi”
09 giugno
10:23 2017

SALEMI. Altri 35 loculi sono stati portati a compimento nell’area del vecchio cimitero. Le logge funerarie, utili a ovviare all’emergenza loculi, saranno rese disponibili a breve tramite la relativa assegnazione.  Nel corso di una delle ultime sedute, inoltre, la Giunta ha deliberato di acquistare altri loculi prefabbricati investendo la somma già in capitolo di bilancio di 31 mila euro. Il progetto prevede la messa in posa di ulteriori 15 loculi che verranno realizzati all’interno del cimitero nuovo a pochi metri dall’ingresso. Con le somme recuperate, come spiega l’assessore al ramo Calogero Angelo, saranno realizzati altri 50 loculi sempre nell’area cimitero nuovo, nel quale sono già individuate le zone e predisposte le basi. «Una programmazione – spiega – che rende possibile l’obiettivo che come Amministrazione ci eravamo prefissati di realizzare: 100 loculi in pochi mesi».

In questo frangente, a causa dell’emergenza loculi, e della necessita di reperire nuovi “spazi” il settore preposto dell’Ufficio tecnico ha provveduto al censimento di loculi, tombe e sarcofagi non utilizzati o che versano in stato di abbandono per incuria. Dalla ricognizione sono stati requisiti, in via contingibile ed urgente, ed a titolo temporaneo, undici loculi cimiteriali. Una scelta che ha messo in allarme alcuni cittadini considerato che la requisizione ha riguardato soprattutto nicchie assegnate a persone che oggi hanno superato l’età dei 90 anni.

Quella della mancanza dei loculi per la sepoltura è una questione annosa e che vede spesso il “soggiorno” delle salme in loculi di terzi concessionari, proprietari di tombe. Stazionamento che è lecito solo nel caso in cui il loculo sia concesso gratuitamente per “pietas”.

L’emergenza loculi è stata segnalata più volte nel corso degli anni, in ultimo dal movimento 5 stelle di Salemi che nel mese di aprile, che dopo una visita ispettiva con il senatore Maurizio Santangelo ha denunciato la presenza in obitorio di 9 salme in attesa di sepoltura.

Dopo aver ispezionato i luoghi e sentito il personale responsabile ai servizi cimiteriali, ma soprattutto dopo aver proceduto ai rilievi del caso, il nucleo della scientifica dell’arma dei Carabinieri, aveva proceduto ad apporre il divieto di accesso, sottoponendo alcune aree e locali del cimitero a “sequestro probatorio”. Il sequestro non era solamente legato al numero di corpi in attesa ma anche a delle anomalie nelle operazioni di estumulazioni, nella regolarità delle camere mortuarie e nei metodi di smaltimento dei rifiuti speciali, elementi, tutti, che denunciavano una grave carenza dei requisiti igienico sanitari.

Pochi giorni dopo con ordinanza del sindaco si è disposta la messa a norma della camera mortuaria e la sepoltura delle salme tra gli 11 loculi, requisiti dal Comune e non ancora assegnati, rilevati a seguito di una direttiva marzo in cui si dava incarico all’ufficio preposto di censire loculi, tombe e sarcofagi abbandonati o non utilizzati. Contestualmente è stato dato l’appalto per lo smaltimento dei rifiuti speciali delle estumulazioni pari a 5 tonnellate.

Con la costruzione dei nuovi loculi, considerato il numero di decessi annui, che vanno dai 130 ai 150, l’emergenza data dalla carenza dei posti per la sepoltura sta gradualmente rientrando.

“Come dimostrano i risultati, tempi e atti – chiosa il sindaco, Domenico Venuti – è con il lavoro che si risolvono i problemi e non con le denunce”. 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE