PartannaLive.it


“Scopro, creo, invento”, una storia d’amore per la Pietra Campanedda. Il progetto di Spazio libero Onlus(video)

“Scopro, creo, invento”, una storia d’amore per la Pietra Campanedda. Il progetto di Spazio libero Onlus(video)
26 gennaio
13:43 2018

Prosegue il progetto di salvaguardia della Pietra campanedda,  promosso  in occasione di “Salvalarte” 2016 dalle associazioni Spazio Libero Onlus, Gruppo Scout Salemi 1 e alcuni cittadini di Salemi, tra  i quali Nino Curia. Due anni fa col il “Progetto Restauro Tre Croci” nell’intento di avviare un percorso di tutela e salvaguardia di questo patrimonio unico al mondo, è stato sottoscritto un Patto di sussidiarietà tra i partner e l’Amministrazione Comunale. Un progetto ancora in itinere e reso possibile grazie anche al “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e Amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”,

L’Associazione Spazio Libero Onlus al fine di valorizzare uno dei beni immateriali più importanti della città, la Pietra Campanedda, ha proposto il laboratorio rivolto a tutti: “Scopro, Creo, Invento”. L’obiettivo è quello di far qualcosa per migliorare il posto in cui viviamo e soprattutto di recuperare il mestiere dello scalpellino (lapidum incisores) cioè le capacità di quell’artigiano che anticamente con la pietra autoctona salemitana realizzava elementi architettonici e decorativi, in un’ottica nuova, inclusiva e dinamica; valorizzando il patrimonio, creando un ponte tra cultura, tradizioni e integrazione, perché tutti, bambini, disabili e anziani possano riappropriarsi della propria città in un’ottica di socializzazione.

Lo scopo dichiarato è quello dello scoprire giocando, dell’imparare facendo. Il laboratorio si è articolato in 5 incontri, il primo di essi è stato avviato con la presentazione del fumetto “Scalpellino e la sua campanellina”, una storia di fantasia con riferimenti storici scritta dalla dottoressa Paola Gandolfo, con la parte grafica realizzata da Chiara Scalisi e la voce narrativa di Giovanna Gandolfo.Un fumetto che si pone come uno strumento semplice in grado di far conoscere la pietra campanedda anche alle nuove generazioni, consapevoli che il futuro è nelle loro mani.

Nata a Salemi, giornalista, ha studiato scienze politiche e delle relazioni internazionali. Crede nel giornalismo d’inchiesta e a quello di strada tra la persone e per le persone. Collabora con “Belice c’è” e ha fondato una rivista sull’eterno femminino. È stata corrispondente del Giornale di Sicilia e ha collaborato con Telejato e Report. Ama la politica, la natura e andare oltre le apparenze.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE