PartannaLive.it


Mazara, periferie sicure. Un arresto e tre denunce dei Carabinieri

Mazara, periferie sicure. Un arresto e tre denunce dei Carabinieri
18 aprile
11:35 2018

Vito Russo Angileri

MAZARA DEL VALLO. Continuano in maniera serrata i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo.

Nella giornata di domenica 15 aprile 2018, i Carabinieri della Stazione di Mazara due hanno tratto in arresto per il reato di evasione, Russo Angileri Vito, cinquantenne mazarese.

L’uomo, già sottoposto alla detenzione domiciliare, è stato trovato fuori dalla sua abitazione dalle pattuglie dei Carabinieri impegnate in servizio di controllo del territorio, violando così le prescrizioni imposte dal giudice. I militari dell’Arma hanno infatti subito notato per le vie del centro urbano il volto di una persona a loro conosciuta, poi identificata in RUSSO e sottoposto alla detenzione domiciliare per il reato di furto.

Data la palese violazione, l’uomo è stato tratto in arresto e sottoposto nuovamente al regime della detenzione domiciliare in attesa dell’udienza di convalida del competente Tribunale .

Il quartiere di Mazara due, durante l’arco settimanale, è stato oggetto di un dedicato  sforzo operativo da parte degli equipaggi dell’Arma che ha impiegato in quell’area le unità cinofile, specializzate per la delicata ricerca di sostanza stupefacente, spesso illecitamente venduta anche ai soggetti appartenenti alle c.d. fasce deboli come i minorenni. Nel corso di numerosi servizi svolti nel quartiere di Mazara due, i Carabinieri delle stazioni e dell’Aliquota Radiomobile, sono stati affiancati dagli equipaggi delle Compagnie di Intervento Operativo di Palermo, reparti addestrati ad operare e accedere in maniera efficace nelle aree urbane maggiormente degradate.

All’esito del servizio a largo raggio, sono stati segnalati complessivamente dieci soggetti alla competente prefettura quali assuntori di sostanza stupefacente di vario tipo: cocaina, marijuana e hashish. Sono stati deferiti due soggetti di Castelvetrano, rispettivamente C.D. e T.G.R., di anni 34 e 30, per i reati: false dichiarazioni sulla identità o su qualità personali proprie o di altri l’inosservanza di provvedimenti dell’autorità. I due uomini durante un posto di controllo dei Carabinieri in Via Archi, nel quartiere di Mazara due, al fine di eludere i controlli,  si davano a precipitosa fuga a piedi, ma dopo un breve inseguimento, sono stati bloccati dal personale operante ai quali hanno tentato invano di fornire oralmente false generalità, ma i due volti ormai familiari ai Carabinieri del luogo, non  hanno affatto convinto tanto da decidere di approfondire la vicenda. All’esito degli approfondimenti, infatti, i militari hanno riscontrato che i due uomini,   erano gravati da un provvedimento del giudice che impone loro di rimanere nel comune di Castelvetrano e di non allontanarsi senza preventiva autorizzazione; per tali fatti i due sono poi stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Sempre a Mazara del Vallo, gli equipaggi dell’aliquota Radiomobile hanno invece denunciato all’A.G.un giovane, C.V. 21 enne di Mazara per guida sotto l’influenza dell’alcol, sorpreso alla guida dell’auto con un tasso alcolemico superiore ai livelli consentiti dalla legge e punito dall’articolo 186 del codice della strada con la denuncia penale all’Autorità Giudiziaria, il ritiro immediato della patente e la sanzione accessoria della sospensione dal titolo di guida che può arrivare, per i casi più gravi, fino ad un massimo di due anni.

Nella serata di venerdì 13 aprile, inoltre, i Carabinieri del NAS, coadiuvati dai colleghi della Stazione Carabinieri di Mazara del Vallo, hanno effettuato dei controlli in diversi esercizi commerciali. Il servizio finalizzato a verificare il rispetto delle norme igienico – sanitarie, si è rivelato positivo, in quanto sono state comminate sanzioni amministrative pari a seimila euro poiché il gestore dell’esercizio controllato non aveva la prevista licenza per la somministrazione di alimenti e/o bevande e non aveva comunicato alle autorità competenti le modifiche apportate nella struttura del locale, motivo per cui è stata avanzata la proposta di revoca di sospensione dell’attività commerciale.

Il servizio denominato periferie sicure e che ha coinvolto circa quaranta Carabinieri, tra cui personale delle Stazioni, Aliquote Operative, insieme al prezioso contributo dei reparti specializzati del NAS, nonché quello delle Unità Cinofile e delle Compagnie di Intervento Operativo, ha avuto riscontri positivi in termine di controlli sul territorio, verrà ripetuto nelle prossime settimane, al fine incrementare ulteriormente il contrasto ai reati contro la persona e il patrimonio sulla pubblica via (scippi, borseggi, rapine e furti).

Comunicato stampa

Comando Provinciale Carabinieri di Trapani

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE