PartannaLive.it


Alle Orestiadi di Gibellina, il 3 e il 4 agosto, sarà il momento dei giovani artisti siciliani under 35

Alle Orestiadi di Gibellina, il 3 e il 4 agosto, sarà il momento dei giovani artisti siciliani under 35
01 agosto
15:00 2018

Alle Orestiadi di Gibellina, il 3 e il 4 agosto, sarà il momento dei giovani artisti siciliani under 35, grazie al premio teatrale #CittàLaboratorio promosso dal Comune di Palermo e il Teatro Biondo di Palermo le cui selezioni si sono svolte a Palermo a dicembre 2017, verranno infatti presentati in anteprima nazionale i progetti che hanno rispettivamente vinto il premio e ricevuto una menzione speciale: “ELLE life show” della Compagnia Quatriatri (venerdì 3 agosto), vincitore del premio, e “CON TUTTO IL MIO AMARE” di Gabriele Cicirello (Sabato 4 agosto), menzione speciale.

Quartiatri

Dario Mangiaracina, Chiara Muscato, Marcella Vaccarino, Gisella Vitrano

ELLE life show”, con la compagnia Quartiatri Dario Mangiaracina, Chiara Muscato, Marcella Vaccarino, Gisella Vitrano, per la regia di Dario Muratore e le musiche di Dario Mangiaracina, di nuovo insieme dopo 4 anni in cui ognuno ha sentito l’esigenza di coltivare il proprio percorso per ritrovarsi oggi più forti, è uno spettacolo che racconta di un concerto, di una cantante, di un produttore e delle sue collaboratrici. Un’opera nera sugli insidiosi tranelli celati dietro al mito dell’individualismo occidentale, un life show costruito a doppio binario tra il testo teatrale “La chiave dell’ascensore” di AgÖta Kristof e una drammaturgia originale sui rapporti di potere e l’incontro con l’Altro.

orestiadi

“CON TUTTO IL MIO AMARE”, con Federica Aloisio, Gabriele Cicirello e Valeria Sara Lo Bue, è scritto e diretto da Gabriele Cicirello: siamo intorno agli anni 80′. Alfredo, giovane padre vedovo, smarrisce la figlia Rosalia di cinque anni sulla spiaggia di Mondello, a Palermo, una domenica mattina. Da quel momento la sua vita si trasforma in un dolore che non trova pace.  Come si reagisce all’assenza? In una dimensione surreale, come fosse un gioco, il protagonista proietta davanti a sé la sua famiglia, la sua serenità, la sua ideale normalità. È proprio restando aggrappato alla bellezza dei ricordi che Alfredo riesce a ribellarsi alla sofferenza. Saranno quelle proiezioni, che sembrano possedere un’anima propria, ad aiutarlo a confrontarsi con il dolore, nonostante il tutto appartenga alla mente.

con tutto il mio amare

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE