PartannaLive.it


San Ciro, il Comitato “Pale eoliche” incalza l’amministrazione: “Chiediamo una decisione definitiva”

San Ciro, il Comitato “Pale eoliche” incalza l’amministrazione: “Chiediamo una decisione definitiva”
20 settembre
16:56 2018

SALEMI. Il problema “Pale Eoliche” in c/da Pietrazzi (Salemi) continua a persistere e tra una perizia e l’altra gli abitanti della zona hanno passato un’altra estate tutt’altro che tranquilla e rilassante. Le eliche delle pale continuano a girare creando nervosismi e attriti tra cittadini e amministrazione. La relazione fornita lo scorso dicembre dall’Arpa che aveva istallato due centraline sembra essere molto chiara sulla questione: i rumori superano i decibel consentiti per legge sia durante il giorno che la notte. A distanza di mesi, le pale, pero, sono ancora in funzione. Tra pastoie burocratiche, contenziosi e “inammissibili ritardi” i membri del “comitato” cittadino continuano a mantenere alta l’attenzione sulla problematica, manifestando stavolta, le proprie rimostranze con una nota stampa:

«Si continuascrivono  –  a giocare tranquillamente sulla pelle degli abitanti. Le sollecitazioni eclatanti e di immagine, raccomandate all’ASP territoriale, al Comune, all’Ass. Regionale Ambiente e alla Procura, e, per ultimo, l’intervento di “Striscia la notizia”, sono servite per una maggiore sensibilizzazione sociale. I vari Enti preposti al territorio, quali I’ARPA, il Comando Forestale e la Procura stanno lavorando e relazionando sul problema, mentre l’Asp territoriale è completamente assente in questo quadro. L’Amministrazione locale ha riconosciuto l’esistenza del problema, con delle dichiarazioni di notevole sensibilità sociale, “la Salute Pubblica è al di sopra di ogni cosa”, è stato dichiarato,  ma dopo, l’Amministrazione si è messa alla finestra aspettando soluzioni prospettate da altri. L’architetto Musarra, dirigente all’urbanistica dell’ufficio tecnico di Salemi e alla quale, pilatescamente è stata data la patata bollente delle Pale Eoliche, donna di sensibilità e di equilibrio, ha cercato subito un confronto aperto e vissuto, andando a verificare fisicamente la situazione sul posto (ndr)… dove è evidente la conflittualità con le condizioni di vivibilità di un intero quartiere, che sta subendo notevoli disagi, per una continua e forte rumorosità, e per un impatto ambientale non dovuto ad una Contrada che ha una storia piena di vissuto”. La dirigente, secondo quanto riferisce il comitato, ha manifestato le proprie perplessità sul futuro dell’impianto.

«L’Amministrazione Comunaleprosegue il gruppo di cittadini, adirati per una problematica che tarda risolversi – non può continuare a difendersi adducendo un vuoto legislativo relativo al “Mini Eolico”, in quanto non è obbligatorio rilasciare un’autorizzazione quando un’opera va ad intaccare le condizioni di vita dei cittadini, che vengono bistrattati e maltrattati dal rumore e dalla mancanza di vivibilità della situazione, che ne mina le condizioni fisiche. Chiediamo con forzaproseguonoche venga presa una decisione definitiva per evitare questo immobilismo e la continua insensibilità, che raggiunge il punto più alto, obbligando il Comitato di abitanti (spiacevolmente) al contenzioso, cosa di cui l’Amministrazione ha paura, con i gestori delle Pale. A causa di questa paura, l’Amministrazione volentieri sacrifica gli abitanti e il sociale».

Sulla vicenda “è attualmente in corso un procedimento”, è stata la replica dell’Amministrazione comunale.

 

Amante della scrittura, abile disegnatrice, scrive per “Il Giornale di Sicilia”. Si definisce una ragazza con la testa tra le nuvole ma con i piedi ben piantati per terra.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE