PartannaLive.it


Il direttore artistico Collovà: “La XXXIII edizione delle Orestiadi si farà”

Il direttore artistico Collovà: “La XXXIII edizione delle Orestiadi si farà”
14 giugno
10:36 2014

orestiadiLa XXXIII edizione del festival delle Orestiadi in programma dal 18 luglio in poi si farà, grazie allo sforzo dei lavoratori dell’omonima Fondazione e degli artisti coinvolti. Ad annunciarlo è il direttore artistico delle Orestiadi, Claudio Collovà. E questo nonostante i tagli inspiegabili della Regione Siciliana e l’indifferenza delle stesse istituzioni regionali.

«Questosottolinea Collovànonostante la Regione abbia negato alla Fondazione Orestiadi ciò che per legge le spettava, ma grazie al sostegno degli artisti coinvolti nel programma: Maddalena Crippa, Giuseppe Cederna, Moni Ovadia, Gioele Dix, la compagnia Laminarie e il progetto Odisseo di Sergio Maifredi, per citarne alcuni, e all’impegno dei lavoratori della Fondazione che con il loro sacrificio stanno in questo momento assicurando la bellissima riuscita del festival «Orestiadi nel segno del contemporaneo», in corso in queste settimane: una rassegna importante con 35 spettacoli di danza, musica, circo e teatro, interamente finanziata dall’Europa. E quindi siamo virtuosi anche in questo. Realizzare la XXXIII edizione delle Orestiadi di Gibellinaprosegue il direttore artisticosignifica credere in noi stessi, che lavoriamo con passione e dolore allo stesso tempo. Significa rispettare i contratti con gli artisti e continuare a vivere il nostro lavoro nel modo più etico possibile. La fiducia in chi dovrebbe tutelare, proteggere, investire nelle istituzioni culturali più significative dell’Isola è decisamente sospesa, se e quando arriverà sarà davvero tardi. Sentiamo troppa indifferenza e ignoranza. Molti di quelli che contribuiscono a spegnere lo spettacolo e la cultura in Sicilia non conoscono Gibellina e la nostra attività. Semplicemente non vengono e non vedono, non imparano a vedere. Ne hanno sentito parlare, ne sono certo, e spesso usano il nome delle Orestiadi senza conoscere realmente la ricchezza di questo luogo e la sua potenzialità. Noi che la conosciamo fino al punto di sentirla nostra, stiamo facendo tutto il possibile e anche l’impossibile per non interrompere bruscamente la storia di un festival di altissimo profilo culturale, e il rapporto con il ministero. La chiusura di un luogo meraviglioso che non sentiamo solo nostro ma di tutta l’Italia conclude Collovàverrà scongiurata dal pubblico, dagli artisti, dai lavoratori dello spettacolo. I politici passano, le Orestiadi no. Chiediamo il sostegno di tutti quelli che, arrivati qui e in qualsiasi ruolo, hanno conosciuto la possibilità della bellezza».

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE