PartannaLive.it


Diario delle mie letture, Partanna 29/03/2015

Diario delle mie letture, Partanna 29/03/2015
29 marzo
22:18 2015

missiroli atti osceni 2Partanna…

Non mi piacciono i giochi di parole, specie se riguardano i titoli dei libri, preferisco piuttosto le scelte che molte case editrici fanno pescando il titolo all’interno del testo, nel momento cruciale della vicenda narrata. Ci sono parole e frasi, infatti, che rappresentano il senso più profondo di un’intera narrazione. Nel caso di questo libro, uscito da poco per la casa editrice Feltrinelli, “Atti osceni in luogo privato(a destra nella foto la copertina del libro), scritto dal trentenne scrittore riminese Marco Missiroli, gli ammiccamenti sono tanti, il più evidente di tutti riguarda il sesso. In effetti il sesso è il tema principale del romanzo, ma ciò non significa che l’uso che ne fa il narratore sia scandaloso, piuttosto il contrario, perchè il sesso fa parte della nostra dimensione esistenziale oltre ad essere un elemento e una caratteristica cruciale della nostra natura biologica.

Il libro di Marco Missiroli è un romanzo di formazione, racconta infatti le vicende di una famiglia mista, italo-francese, come mista è l’ambientazione tra Parigi e Milano, misto è il modo di rapportarsi con il tema del sesso e dell’amore in genere. Mi è piaciuta molto la decisione, la scelta dell’autore di narrare i fatti attraverso un narratore interno, Libero. La difficoltà che il giovane incontra nell’affrontare prima la separazione dei genitori poi la morte del padre, sono accompagnati dalla lenta scoperta della sessualità, delle scelte da fare nella vita, dei libri da leggere, degli amici da frequentare, insomma la lenta fatica di affrontare uno dei periodi più difficili dell’esistenza di ogni uomo, il passaggio dall’adolescenza alla maturità. Non so decidermi se è un libro da inserire nello scaffale dei libri memorabili, ma magari non ce ne bisogno, perchè i libri una volta letti, belli o brutti come fa il mitico personaggio dei libri gialli di Manuel Vasquez de Montalban, Pepe Carvalho, vanno bruciati nel caminetto di casa. Tuttavia vale la pena di leggerlo, perchè un libro che sceglie come citazione questa celebre frase di Calvino “Alla fine uno si sente incompleto ed è soltanto giovane” non può far altro che meritare la nostra attenzione.

Vincenzo Piccione

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE