PartannaLive.it


Maxi sequestro a Castelvetrano: sigilli posti sul simbolo storico del centro storico ma…

Maxi sequestro a Castelvetrano: sigilli posti sul simbolo storico del centro storico ma…
15 novembre
17:52 2017

Nuove informazioni fuoriescono dagli interrogatori all’ex “braccio destro” di Matteo Messina Denaro, Giuseppe Gricoli (ex patrono della Despar in Sicilia), che chiudono trent’anni di indagini, portate avanti dalla Direzione investigativa antimafia, oggi coordinata dal procuratore, Francesco Lo Voi, e dal sostituto Geri Ferrara. Nel mirino degli investigatori c’erano infatti alcuni traffici internazionali di reperti archeologici. Ad “ordire” questi traffici illeciti, i cui beni sarebbero stati trafugati anche dal più importante sito archeologico della Sicilia, ossia Selinunte, ci sarebbe la figura del castelvetranese Gianfranco Becchina. “Mecenate”, come ama definirsi lui stesso, oggi dedito alla produzione di olio. Ebbene, dalla testimonianza di Gricoli, sarebbe emerso un forte legame, che da anni lega Becchina al latitante Messina Denaro. Proprie in queste ore, è scattato il sequestro del patrimonio di Becchina (per un valore di oltre 10 milioni di euro), portando i sigilli su molte società, una delle quali risulta proprietaria di un’ala dell’ex castello “Bellumvider”, divenuto poi Palazzo ducale dei principi Pignatelli Aragona Cortes Tagliavia, uno dei simboli del centro storico di Castelvetrano. Gricoli avrebbe raccontato di come, dal 1999 al 2006, abbia ricevuto delle buste piene di soldi proprio dal “mecenate”, che avrebbe dovuto poi consegnare al cognato del boss castelvetranese: Vincenzo Panicola. Coincidenza vuole che proprio questa mattina un incendio, la cui natura è ancora da stabilire, si sia propagato in un’ala del palazzo in questione. Dai primi sopralluoghi effettuati dalla DIA, e dai Vigili del Fuoco chiamati da un residente del palazzo, sembra che siano andati persi diversi documenti cartacei. Le autorità stanno attualmente vagliando qualsiasi ipotesi, certo è che suona molto strano ciò che sta accadendo, e che a poche ore dal sequestro si sia verificato questo “fortuito” rogo.

Valentina Mirto

Amante della scrittura, abile disegnatrice, scrive per “Il Giornale di Sicilia”. Si definisce una ragazza con la testa tra le nuvole ma con i piedi ben piantati per terra.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE