PartannaLive.it


Esplosione all’interno di un edificio a Catania. Un trapanese tra le vittime

Esplosione all’interno di un edificio a Catania. Un trapanese tra le vittime
21 marzo
11:09 2018

Una terribile esplosione si è verificata ieri sera, intorno alle 18:30, all’interno di un edificio in via Garibaldi, a Catania. Due dei cinque Vigili del Fuoco, intervenuti sul posto in seguito ad una – o più – segnalazioni per una possibile fuga di gas, hanno purtroppo perso la vita a causa della forte deflagrazione. Si tratta di Dario Ambiamonnte, di Catania, e di Giorgio Grammatico di Trapani. Quest’ultimo, un ragazzo molto apprezzato nel mondo del calcio, aveva militato per anni in diverse squadre della zona, come il Fulgatore e il Trapani calcio. Società sportive che hanno espresso il proprio cordoglio alla famiglia.

Nella palazzina è stata trovata una terza vittima, Giuseppe Longo, di 70 anni, che viveva in affitto all’interno dell’immobile, adibito ad officina per la riparazione di biciclette. L’uomo (che secondo le prime informazioni, aveva chiesto personalmente l’intervento dei vigili, probabilmente per una fuga di gas) è stato trovato carbonizzato. Altri due vigili del fuoco sono rimasti feriti, sono tutt’ora ricoverati, ma fuori pericolo. Un terzo, fortunatamente uscito illeso dall’esplosione, si trova in stato di choc.

Diversi dubbi rimangano sull’accaduto. Non è chiaro come mai l’inquilino non abbia aperto subito le finestre per far fuoriuscire il gas. Se perché colpito da un malore o se è stato fatto volontariamente. Per questo motivo la Procura di Catania, che ha aperto un fascicolo al riguardo, non esclude nessuna ipotesi.

 

Amante della scrittura, abile disegnatrice, scrive per “Il Giornale di Sicilia”. Si definisce una ragazza con la testa tra le nuvole ma con i piedi ben piantati per terra.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE