PartannaLive.it


Palermo, via Bagolino: crollano 2 edifici. Tre vittime e un disperso

Palermo, via Bagolino: crollano 2 edifici. Tre vittime e un disperso
18 dicembre
12:56 2012

Un boato terrificante, davanti ai vigili del fuoco arrivati pochi istanti prima, avvertiti da una chiamata: “Sentiamo degli scricchiolii dai muri, abbiamo paura“. Sotto le macerie hanno perso la vita tre persone e ne risulta dispersa un’altra.

Alle ore 23:30 in via Bagolino a Palermo, una strada che attraversa caseggiati popolari a due passi da moli e cantieri del porto, le palazzine si sbriciolano d’improvviso, quasi certamente per un cedimento strutturale. Prima cede l’edificio più alto e l’implosione provoca il crollo anche dell’altro, quello subito accanto, più basso. Sulla strada la gente assiste sbigottita alla scena apocalittica. “E’ stato come se le case fossero state colpite dal terremoto, si sono sbriciolate come un castello di sabbia” ha detto un testimone. Almeno dieci i feriti già portati i ospedale, tra cui una bambina. Le vittime accertate sono I. A. di 85 anni, il cui cadavere è stato trovato sotto una trave, e la moglie M. L.M. di 80 anni. Dispersa solo E. T., 74 anni, il cui nipote è anch’egli deceduto (54 anni).

Nei due edifici vivevano otto famiglie. Da tempo, dopo la costruzione di una struttura prefabbricata all’ultimo piano di uno dei due immobili, più di una crepa si era formata sui muri. “Da un anno avevano costruito un quarto piano e la casa si era riempita di crepe e si sentivano continui scricchiolii. Oggi i rumori hanno fatto preoccupare più del solito e abbiamo chiamato i Vigili del fuoco, che ci hanno fatto immediatamente sgombrare. Qualche minuto dopo è venuto giù tutto“. È il racconto di Giuseppina Ferrara, che con la sua famiglia viveva al terzo piano.

(Fonte: Il Corriere)

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE