PartannaLive.it


Provincia: avviata la trattazione del programma triennale OO.PP 2013/15

Provincia: avviata la trattazione del programma triennale OO.PP 2013/15
30 aprile
13:36 2013

provinciaIl Consiglio Provinciale di Trapani, tornato a riunirsi nel pomeriggio di ieri, ha avviato, con la relazione illustrata all’Aula dall’Ing. Antonino Candela, Dirigente del Settore Lavori Pubblici, la trattazione dell’importante punto concernente l’aggiornamento del Programma Triennale delle OO.PP. 2013/2015 la cui redazione ha dovuto fare i conti con la ristrettezza delle risorse economiche disponibili. Il documento, infatti, nel piano annuale 2013 contiene soltanto pochi nuovi interventi, quasi tutti nel campo dell’edilizia scolastica, che interessano i seguenti Istituti: Liceo Classico “Cielo d’Alcamo” di Alcamo; I.T.C. e I.P.S.I.A. di Calatafimi; Liceo Scientifico “Cipolla” di Castelvetrano; Istituto Professionale Alberghiero di Erice; Istituto Tecnico Commerciale e Magistrale di Partanna. In tutti i casi si tratta di lavori urgenti di manutenzione straordinaria per l’eliminazione dei rischi connessi alla vulnerabilità degli elementi non strutturali. A questi interventi si aggiungono i lavori di manutenzione straordinaria dell’impianto elettrico della Caserma dei Carabinieri di Trapani, nonché i lavori non appaltati nel 2012 e che pertanto vengono riproposti  nel nuovo programma delle Opere Pubbliche. Si tratta dei lavori di rifacimento dei prospetti, adeguamento alle norme e ristrutturazione del convitto dell’Istituto Agrario di Marsala; del risanamento conservativo del Molo Uccello Pio di Salinagrande; della realizzazione di un nuovo istituto scolastico di 30 aule e relativi servizi ricadente in C/da Affacciata di Mazara del Vallo e dei lavori urgenti di manutenzione straordinaria dell’Istituto Tecnico Commerciale e Magistrale di Pantelleria per l’eliminazione dei rischi connessi alla vulnerabilità degli elementi non strutturali.

L’esame del provvedimento riguardante l’aggiornamento del Programma Triennale OO.PP. 2013/2015 entrerà nel vivo del dibattito nella prossima seduta del Consiglio Provinciale già fissata per lunedì 6 maggio alle ore 10,30.

Ieri pomeriggio intanto, prima dell’avvio della trattazione del Programma triennale delle OO.PP., il Consiglio Provinciale, per il tramite del Presidente Poma e di tutti i Capigruppo, ha dato il proprio benvenuto al nuovo Commissario Straordinario dell’Ente Provincia, il Dott. Darco Pellos. Espressa altresì piena solidarietà umana ed istituzionale all’Arma dei Carabinieri, ai militari rimasti coinvolti nei gravi fatti di questi ultimi giorni (il brigadiere Giuseppe Giangrande ed il carabiniere scelto Francesco Negri feriti davanti a Palazzo Chigi, con l’augurio di completa guarigione), nonché ai loro familiari ed a quelli dell’appuntato dei carabinieri Tiziano Della Ratta rimasto ucciso durante una rapina a Caserta.

Nel suo articolato intervento introduttivo, che ha voluto essere non un saluto di circostanza bensì un atto realmente sentito e che è stato apprezzato da tutti i gruppi politici,  il Presidente Peppe Poma ha tenuto fra l’altro a rimarcare che questo Consiglio Provinciale, che ha ringraziato per l’alto senso di responsabilità sempre avuto nell’affrontare le problematiche di maggiore rilevanza politica, amministrativa e socio-economica,  è pronto e disponibile a continuare a lavorare con il massimo impegno fino all’ultimo giorno del suo mandato elettorale e garantirà la massima collaborazione istituzionale al Commissario Straordinario per avviare a soluzione le varie problematiche sul tappeto, riservando una dovuta particolare attenzione alla sorte delle società partecipate e dei documenti finanziari, a cominciare dal conto consuntivo – ancora all’esame dei Revisori dei Conti – e dal bilancio di previsione. La raccomandazione più forte è stata comunque quella per far sì che venga garantita la funzionalità e l’operatività del “Vincenzo Florio” che il Consiglio Provinciale considera giustamente il più importante e determinante volano di sviluppo per l’intera provincia di Trapani, l’unica concreta possibilità di crescita per la nostra economia.

Stesso discorso – ha aggiunto il Presidente del Consiglio Prov.le –  può essere fatto anche per quanto riguarda un’altra importante società partecipata: la FuniErice (struttura che assicura il collegamento veloce e senza bisogno di fare ricorso alle automobili fra il capoluogo ed Erice vetta, molto importante dunque per l’attività turistica), stante che entro il prossimo 30 settembre il Comune di Erice dovrà dismettere le proprie quote per le quali lo statuto societario prevede un diritto di prelazione a favore dell’Ente Provincia. Per quanto riguarda gli ATO “Belice Ambiente” e “Terra dei Fenici”, l’Agriturpesca e la Megaservice il Consiglio Provinciale, accogliendo le proposte di deliberazione in tal senso avanzate dall’Amministrrazione, ha già approvato la loro messa in liquidazione. Non posso però non evidenziare con forza – ha sottolineato Poma – la grande disponibilità sempre dimostrata da questo Consiglio a salvaguardare (e continuerà a farlo fino all’ultimo giorno del suo mandato) la Megaservice e soprattutto i posti di lavoro assicurati dalla sua operatività. La messa in liquidazione approvata dal Consiglio Provinciale è stata in pratica una presa d’atto che non era più rinviabile. Mi auguro che uguale disponibilità rispetto a quella dimostrata dal Consiglio Provinciale venga anche dall’Avv. Polizzotto, capo della segreteria tecnica e diretto rappresentante del Presidente della Regione, Rosario Crocetta, per definire una strategia che sia in grado di mettere in atto politiche attive del lavoro con strumenti e ammortizzatori atti a superare la fase di crisi ed in grado di concretizzarsi fin dalla nuova riunione del tavolo tecnico prevista per il prossimo 7 maggio.

Peppe Poma ha colto altresì l’occasione per stigmatizzare ancora una volta la legge reg.le 7/2013 (norme transitorie per l’istituzione dei liberi Consorzi comunali) evidenziando il sempre più diffuso convincimento che, a seguito della soppressione delle Provincia Regionale, si determineranno forti, forse insuperabili disservizi soprattutto per quanto riguarda la gestione della viabilità, delle scuole (istituti superiori di 2° grado), degli immobili di proprietà provinciale, delle società partecipate e dello stesso personale dipendente di ruolo, senza considerare i dipendenti “precari”: 82 lavoratori (ex LSU ed ASU) che “galleggiano nel limbo” rischiando il licenziamento. Al riguardo l’ultima proposta del Presidente Crocetta – ha detto Poma – (innovativa per molti ma non certo per noi) è quella di stabilizzare tutti i precari a 18 ore,  ma essa non fa altro che riprendere quella già avanzata dalla Provincia di Trapani e che nel dicembre scorso non è stata condivisa dalle organizzazioni sindacali. Serissimi dubbi e interrogativi permangono inoltre sul fatto che il Consorzio Universitario di Trapani, di cui la Provincia è il socio principale,  possa proseguire la propria importantissima attività didattica. In questo discorso si inseriscono pure altri prestigiosi enti, quali la Fondazione Orestiadi di Gibellina, il Luglio Musicale Trapanese e la Biblioteca Fardelliana, di cui la Provincia Regionale di Trapani è ente condotante, nonché gli istituti scolastici provinciali: “Ottici e Corallai” di Trapani ed il Liceo Linguistico “Del Giudice” di Marsala.  Per il Presidente del Consiglio Provinciale è dunque urgente avviare il necessario confronto in aula in vista della trattazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013, fermo restando che la decisione finale spetta, in piena autonomia, al Commissario Straordinario, Dott. Pellos, del quale – ha detto ancora il Presidente del Consiglio Provinciale – ho avuto modo di apprezzare subito la sensibilità istituzionale e che – ne sono certo – vorrà e saprà dare una risposta positiva alle tante attese ed ai bisogni della provincia di Trapani, un territorio che sicuramente merita la più grande attenzione da parte di tutti coloro che sono chiamati a dirigerne le sorti, specie in un momento così delicato e difficile come quello che stiamo vivendo.

I contenuti dell’intervento del Presidente Poma sono stati pienamente condivisi dai capigruppo consiliari via via intervenuti (nell’ordine: Matteo Angileri, Giacomo Sucameli, Antonella Pollina, Silvano Bonanno, Pietro Russo, Ignazio Passalacqua, Salvatore Daidone), tutti concordi nell’indicare la salvaguardia della operatività dell’aeroporto di Birgi quale priorità assoluta dell’impegno amministrativo che attende il Commissario Straordinario (fino alla effettiva istituzione dei liberi Consorzi comunali) al quale hanno promesso massima collaborazione fino all’ultimo momento utile del loro mandato.

Nella sua replica a conclusione della seduta, il Dott. Darco Pellos, Commissario Straordinario della Provincia Regionale di Trapani, nel ringraziare il Presidente Poma e l’intero Consiglio per la positiva accoglienza ricevuta, ha fra l’altro sottolineato l’importanza della disponibilità a lavorare in maniera sinergica nel superiore interesse del territorio trapanese, un territorio – ha detto – verso cui dobbiamo rivolgerci perché sta tanto soffrendo. E’ questo il mio primo obiettivo. Darco Pellos ha poi ricordato che la sua è una gestione commissariale che rimane in attesa delle norme di attuazione della legge regionale 7/2013. Per corrispondere alle attese della popolazione – ha aggiunto il Commissario Straordinario, che si è autodefinito un “operaio delle istituzioni”  – occorrono unità d’intenti e atti trasparenti. Inoltre, il fattivo confronto con le forze politiche dovrà proseguire anche dopo lo scioglimento del Consiglio Provinciale perché questa meravigliosa terra della provincia di Trapani merita il massimo dell’impegno.

Ufficio Stampa
S.Ingianni

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE