PartannaLive.it


Il Partito Democratico ai minimi storici in provincia di Trapani, insussistenza della Segreteria Provinciale

Il Partito Democratico ai minimi storici in provincia di Trapani, insussistenza della Segreteria Provinciale
28 maggio
12:39 2013

Partito DemocraticoRiceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa  sottoscritto da tesserati, simpatizzanti e dirigenti del PD della provincia di Trapani, inviato per conoscenza al Segretario PD Sicilia On. Giuseppe Lupo, al Segretario Nazionale On. Guglielmo Epifani, al Responsabile organizzazione PD On. Nicola Stumpo. Di seguito il testo integrale.

Comunicato Stampa

Gli ultimi e pessimi risultati elettorali di un PD ridotto ai minimi storici in provincia di Trapani, sono diretta conseguenza della insussistenza della Segreteria Provinciale e di una classe dirigente debole, ostaggio delle strategie dei soliti potenti; un PD incapace di parlare alla gente, chiuso in un’ostinata strategia fatta di equilibri interni e di incursioni clientelari, lontana anni luce dalla marea montante dell’indignazione popolare e della crisi economica che erodeva credibilità e consenso nei confronti del Partito.
L’elettorato ha ben compreso che le strategie di un Partito immobile, che non riesce ad organizzare neppure una decente campagna elettorale, non sono state rivolte a risolvere i problemi di una società sempre più distante, ma bensì al posizionamento di singoli la cui rappresentatività non fa riferimento al territorio,ma ad esclusive logiche di appartenenza. Questo gli elettori hanno compreso e punito .Lo stato comatoso del PD in provincia di Trapani impone un’urgente e coraggiosa azione di rinnovamento profondo e totale, a partire dal rispetto delle regole Statutarie per troppo tempo disattese e disprezzate. Deve immediatamente terminare la logica della “copertura” con la quale si è consentito che si scrivessero tristissime pagine di mancata democrazia nella nostra provincia. Bisogna quindi che gli organismi vengano ricomposti seguendo, rigorosamente, il dettato Statutario e che vengano dimenticate le prassi create ad hoc per giustificare la perpetuazione di una classe dirigente superata dai risultati e delegittimata dai loro stessi inappropriati comportamenti. Questo vale anche per la “fantomatica” reggenza di cui non chiediamo lo scioglimento immediato in quanto non ne riconosciamo l’esistenza. Chiediamo la ricomposizione di tutte le segreterie, arbitrariamente, commissariate che riflettono sul territorio un’immagine inadeguata del Partito Democratico, oltre che determinare, con la conduzione eccepibile di alcuni commissari, il totale allontanamento degli iscritti e dei simpatizzanti. Chiediamo le dimissioni immediate del Presidente dell’Assemblea Provinciale. Tali dimissioni, che sarebbero state dovute al momento della candidatura alle primarie per i Parlamentari, essendo il ruolo di Presidente quello di garante e super partes e pertanto incompatibile con la competizione affrontata, sono ormai rese indispensabili dal mancato rispetto dello Statuto.
Chiediamo di avviare, urgentemente, la campagna di tesseramento 2013 al Partito Democratico, senza dimenticare che l’ultimo ,in Provincia di Trapani ,risale all’anno 2010.
Riteniamo, questo, un fatto di eccezionale gravità ,che lede il diritto di chiunque voglia iscriversi e partecipare attivamente alla vita del Partito Democratico ,che allontana simpatizzanti ed elettori ,che impedisce il finanziamento ,attraverso la quota di adesione, del Partito stesso e quindi la possibilità di intraprendere iniziative di natura politica e di prioritario interesse per i territori. Abbiamo difficoltà ad accettare qualunque tipo di giustificazione, giudicando profondamente anomalo che la nostra provincia non sia al passo con i tesseramenti annuali. Pertanto ,chiediamo che venga nominato un nuovo responsabile del tesseramento, individuato tra soggetti terzi e che non sia espressione della classe dirigente che ha guidato e rappresentato il PD trapanese in questi anni, che garantisca un tesseramento aperto e trasparente, vigilando sulla regolarità del medesimo. Siamo convinti che il PD debba iniziare un percorso mai compiuto, che debba fornire un segnale credibile della volontà di procedere con quel cambiamento radicale che i nostri iscritti e i nostri elettori reclamano con forza. Pensiamo che l’unico antidoto contro l’antipolitica e l’irresponsabilità populistica sia il dialogo e la costruzione fatta con la gente. Vogliamo che il Partito torni ad occuparsi delle cose reali e dei problemi delle persone. Vogliamo realizzare il vero PD, quello realmente riformista e progressista, con una classe dirigente credibile e motivata, pronto a scendere in strada e vivere tra la gente, nel territorio, fuori dal palazzo.
Per questi motivi, riteniamo che sia congruo un termine di 15 giorni, dalla data di notifica del presente documento, per ricevere una risposta adeguata e fattiva per il bene del popolo, troppo spesso inascoltato , del PD, riservandoci, altrimenti, di affrontare le questioni qui esposte autoconvocando un’Assemblea Provinciale aperta a militanti e simpatizzanti ,oltre che a chiedere audizione alla Commissione Nazionale di Garanzia ed ai massimi vertici del Partito Democratico.

 

 Trapani, lì _23___/__5___/___2013___________

I Sottoscritti:

Annamaria Angileri
Maria Concetta Serse
Saverio Piccione
Vincenzo Grassellino
Danilo Orlando
Sabrina Rocca
Antonio Gandolfo
Giovanni Portuesi
Lillo Fede
Stefano Farina
Andrea Genna
Maria Lo Pinto
Giorgio Mazzini
Marcello Linares
Ignazio Filippi
Fabrizio Coppola
Vincenzo Pantaleo
Caterina Centonze
Claudio Giacalone
Calogero Ferreri
Carmen Greco
Peppe Cammareri
Giovanna Sparla
Marlene Rosolia,
Valentina Cariglia
Michele Beltrallo
Patrizia Ernandez
Matteo Catalano

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE