PartannaLive.it


Castelvetrano: il Sindaco esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del Prof. Giuseppe Basile

Castelvetrano: il Sindaco esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del Prof. Giuseppe Basile
31 luglio
12:00 2013
Prof. Giuseppe Basile

Prof. Giuseppe Basile

Il Sindaco di Castelvetrano, Avv. Felice Errante, appresa la notizia della prematura scomparsa del Prof. Giuseppe Basile, ha voluto manifestare tutto il suo cordoglio per l’incredibile perdita per il mondo della cultura italiana ed internazionale: “E’ un giorno triste per la nostra città che perde uno dei suoi figli più illustri, stimati e conosciuti in Italia e nel Mondoha detto il Sindaconei mesi scorsi, pur indebolito dal terribile male che lo aveva colpito, aveva accolto con grande entusiasmo la nostra proposta diventando consulente a titolo gratuito del Comune per la valorizzazione dei Beni Culturali, e riuscendo a predisporre il restauro della cappella della Maddalena che si trova all’interno della Chiesa Madre, che è una delle opere d’arte più importanti della Città, risalente agli ultimi decenni del Cinquecento ed opera di Tommaso Ferrarocontinua Erranteresterà il profondo rammarico per le tante altre collaborazioni che sono rimaste incompiute e che il Prof. Basile aveva già in animo di portare avanti grazie al grande entusiasmo e alla passione che pervadeva il suo lavoro. Come uomo mi mancherà quel confronto cordiale e quell’arricchimento di conoscenze che il Prof. Basile era capace di trasmettermi ad ogni incontro. In segno di gratitudine e di doveroso omaggio alla sua figura allestiremo al più presto un’iniziativa conclude il primo cittadinoche possa contribuire a conservare nella nostra città il suo imperituro ricordo”.

Breve biografia del Prof. Basile

Giuseppe Basile ha effettuato la Direzione lavori, il coordinamento e la supervisione dei più importanti interventi di conservazione e restauro per conto dell’Istituto Centrale del Restauro del Ministero dei Beni Culturali. Nato a Castelvetrano, laureato in Storia dell’Arte all’Università di Palermo, dal 1976 funzionario storico d’arte presso l’Istituto centrale del restauro (Ministero Beni Culturali), dove dal 1987 ha diretto il Servizio per gli interventi sui Beni artistici e storici. Dall’anno accademico 1991–92 docente presso la Scuola di specializzazione in Storia dell’arte all’Università “La Sapienza” di Roma (Teoria e storia del restauro delle opere d’arte), dal 1995 membro ordinario della Pontificia Commissione per i Beni culturali della Chiesa e della Pontificia Commissione per l’Archeologia sacra. Ha diretto numerosissimi restauri in Italia e all’estero, al punto da portare la nostra scuola di restauro ai maggiori vertici del mondo. Fu lui che si oppose, da Dirigente dell’Istituto Centrale del Restauro di Roma, alla rimozione indiscriminata con le ruspe delle macerie accumulatesi sotto la volta della Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi: sotto quelle macerie, nel settembre del 1997 a causa di una violenta scossa sismica, erano rimasti sepolti due restauratori e due frati, ma rimanevano anche accatastati 120 mila frammenti di ben 5.000 mq di pitture murali dei più importanti maestri  della pittura del duecento italiano, quali Cimabue e Giotto. Si deve alla sua ostinata capacità e al suo altissimo livello culturale se oggi possiamo riammirare capolavori d’arte unici al modo. Entra certamente nel Guinness dei primati per il più grande puzzle d’arte mai recuperato (il cantiere è stato denominato dai più grandi studiosi del mondo il cantiere dell’utopia); e certamente in quest’impresa ha influito la sua esperienza maturata in gioventù nel Belice. Innumerevoli le altre opere di cui ha diretto il restauro: tra le tante si cita la Cappella degli Scrovegni a Padova, l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci a Milano ed il Palazzo Te a Mantova.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE