PartannaLive.it


La Sicilia “regina” d’Italia per l’uso delle auto blu

La Sicilia “regina” d’Italia per l’uso delle auto blu
14 Maggio
21:50 2014

auto bluLa Sicilia vanta il titolo di regina italiana per l’uso (e l’abuso) delle auto di rappresentanza. Il rapporto tra le auto blu e il parco macchine pubbliche risulta particolarmente elevato in tutto il Sud; in particolare in Sicilia, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Molise, le blu, rispetto al totale delle macchine di servizio, sono comprese fra il 26% e il 27% a fronte di una media nazionale del 12%. Ma il problema non è solo questo; va considerato infatti anche il resto del parco auto di servizio. Come spesso accade alla Sicilia, si eccede in un ambito e si difetta in un altro. Le comuni auto di servizio, quelle per intenderci senza lampeggiante, vedono la Sicilia arrancare nelle ultime posizioni. Ma se parliamo invece delle superberline, il discorso prende un’altra piega.

A febbraio di quest’anno, rileva il Formez che monitora il fenomeno, la Sicilia è saldamente prima, tra tutte le regioni italiane, con 763 auto blu, seguita dalla Campania (547) e dalla Lombardia (544). La Sicilia ha un parco di auto blu quasi doppio di tutte le altre regioni a statuto speciale messe insieme e supera agevolmente la Lombardia, che pure conta quasi dieci milioni di abitanti rispetto ai cinque milioni dell’Isola.

Gli ultimi giorni hanno visto accendersi un vibrato confronto, il più delle volte con i toni dello scontro, per il contestuale rinnovo del parco auto blu della Presidenza della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana, con una spesa di circa due milioni di euro in quattro anni per una decina di auto, di cui alcune blindate.
In Sicilia le auto blu sono oltre ogni misura; non c’è neanche confronto con il resto d’Italia.

(Fonte: Gds.it)

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Il cittadino Segnala

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE