PartannaLive.it


Carabinieri effettuano servizio a “largo raggio”, arrestati un gibellinese e un campobellese

Carabinieri effettuano servizio a “largo raggio”, arrestati un gibellinese e un campobellese
18 giugno
15:40 2018

Nel weekend appena trascorso i militari della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano hanno effettuato un servizio coordinato di controllo del territorio, incrementando la proiezione esterna e i controlli a mezzi e conducenti.

Tra Castelvetrano e Marinella di Selinunte sono state controllate più di 200 persone a bordo di 150 mezzi di trasporto ed effettuate numerose perquisizioni personali e veicolari.

Nunzio Pizzolato

Nel pomeriggio di venerdì 15 giugno i militari della Stazione di Gibellina – guidati dal Lgt. Salvatore Monteleone – eseguivano, notificandola al destinatario, un’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Palermo, dovendo espiare la pena di 4 mesi di detenzione domiciliare, a carico di:

PIZZOLATO Nunzio, 55enne originario e residente a Gibellina, già noto alle forze dell’ordine.

Lo stesso, nel maggio 2009, veniva arrestato da personale dell’Aliquota Operativa, poiché trovato in possesso di 200g. di “hashish”. A conclusione dell’iter processuale ometteva il versamento della cauzione, e veniva irrogato nei suoi confronti l’odierno provvedimento restrittivo.

Nella serata di sabato 16 giugno i militari del Norm, nel corso di servizio finalizzato alla prevenzione ed al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, traevano in arresto:

F.F., 33enne di Campobello di Mazara, disoccupato,incensurato.

F.F. veniva controllato in via Caduti di Nassiyria di Castelvetrano e, a seguito di perquisizione personale e domiciliare eseguita presso la propria abitazione, veniva trovato in possesso di 3 grammi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” già suddivisa in dosi, €725,00 contanti ritenuti provento dell’illecita attività, un bilancino di precisione e materiale da taglio.

L’arrestato veniva sottoposto agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

Nelle scorse settimane, inoltre, il personale dell’Aliquota Radiomobile ha provveduto a sequestrare cinque biciclette elettriche, apparentemente a pedalata assistita, elevando le correlate contravvenzioni: i mezzi in parola, infatti, erano dotati del cd. “potenziometro”, un motore ausiliario elettrico che permette alla bici di circolare a prescindere dalla forza umana, che li rende dei veri e propri ciclomotori (come tali vanno immatricolati, devono avere il certificato di circolazione, essere assicurati e chi li conduce deve essere in possesso di patente ed indossare il casco).

Comunicato stampa

Comando Provinciale Carabinieri di Trapani

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE