PartannaLive.it


Provincia: donazione di libri ai detenuti- dibattito sulle condizioni di vita nelle carceri italiane

Provincia: donazione di libri ai detenuti- dibattito sulle condizioni di vita nelle carceri italiane
21 dicembre
09:00 2012

COMUNICATO STAMPA 

 DONAZIONE DI LIBRI AI DETENUTI – L’INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE SERVIZI SOCIALI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE IN COINCIDENZA CON IL DIBATTITO SULLE CONDIZIONI DI VITA NELLE CARCERI ITALIANE

In occasione delle festività natalizie e di fine anno, un centinaio di libri su argomenti e materie di varia natura, già in dotazione all’ex servizio biblioteca della Provincia Regionale di Trapani sarà donato ai detenuti delle carceri di Trapani, Castelvetrano e Favignana. L’iniziativa è della Commissione “Igiene, Assistenza e Beneficenza, Servizi Sociali” del Consiglio Provinciale i cui componenti, Antonella Pollina (Presidente), Salvatore Campanella (Vice Presidente), Salvatore Rallo, Enzo Chiofalo e Gaspare Canzoneri, si sono recati oggi presso la Casa Circondariale di Trapani dove hanno incontrato il Direttore della struttura, il Dott. Renato Persico, ed il Comandante degli agenti  di custodia, Giuseppe Romano, ai quali hanno consegnato una parte dei libri in questione, circa 35, destinati appunto ai detenuti del “San Giuliano”. Le rimanenti copie nei prossimi giorni, sempre a cura della Commissione Servizi Sociali, saranno invece consegnate ai responsabili delle carceri di Castelvetrano e Favignana.

L’odierna cerimonia di consegna dei libri-dono al Direttore del carcere di Trapani, che ha espresso ai componenti della suddetta Commissione Consiliare l’apprezzamento ed il ringraziamento della popolazione carceraria ma anche del personale dipendente, si è svolta in un clima di piena disponibilità alla reciproca collaborazione istituzionale, tramite anche la sottoscrizione di un apposito protocollo d’intesa, nel superiore interesse delle persone detenute.

 La nostra iniziativa – hanno affermato, fra l’altro, i Consiglieri della Commissione Servizi Sociali – che peraltro si inserisce nel sempre più pressante dibattito nazionale sulla obsoleta condizione strutturale e sul sovraffollamento della maggior parte degli istituti penitenziari italiani, vuole costituire un pur minimo contributo volto ad alleviare le non poche difficoltà, anche di ordine psicologico, che quotidianamente devono affrontare i reclusi. Autorevoli studi e ricerche hanno dimostrato che i benefici della cosiddetta biblioterapia sono praticamente equiparabili a quelli ottenuti dagli antidepressivi. Particolarmente interessanti sono proprio le esperienze realizzate in talune carceri italiane che dimostrano come la lettura da parte di persone in costrizione può costituire uno strumento per promuovere forme di autostima e offrire la possibilità di incidere attivamente sulla propria esistenza. Tutto ciò senza dimenticare che la Costituzione italiana, all’art. 27, stabilisce che la pena deve essere improntata a finalità rieducative e riabilitative delle persone, finalità per il cui raggiungimento la lettura e lo studio costituiscono condizione essenziale.

 

20 Dicembre 2012                                        L’UFFICIO STAMPA
(S. Ingianni)

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE