PartannaLive.it


Sicilia record nei consumi di farmaci

Sicilia record nei consumi di farmaci
02 febbraio
22:44 2013

In base al rapporto dell’Osservatorio sui Medicinali (Osmed), la Sicilia detiene il record dei consumi di farmaci in Italia. “A fronte di una spesa convenzionata nazionale di 142,6 euro pro capite, la Sicilia evidenzia un valore massimo di 180,5 euro pro capite, – si legge nel rapporto preparato da Aifa e Iss – all’estremo opposto c’è la P.A. di Bolzano con il valore minimo di 97,3 euro pro capite”. Per quanto riguarda le altre categorie di farmaci le classifiche mostrano campioni diversi. Per quanto riguarda i farmaci di classe C, quelli a carico del cittadino, la spesa più elevata si registra in Liguria (45,7 euro pro capite), seguita dalla Toscana (41,2 euro pro capite) e dalla Valle d’Aosta (40,3 euro pro capite), mentre i valori più bassi si rilevano in Molise (26,3 euro pro capite), Basilicata (27,4 euro pro capite) e P.A. di Bolzano (28,7 euro pro capite). Per quelli di automedicazione la classifica si inverte: Valle d’Aosta (37,7 euro pro capite) e P.A. Bolzano (34,1 euro pro capite) presentano livelli di spesa pari quasi al doppio di quelli della Basilicata (17,9 euro pro capite) e del Molise (18 euro pro capite). Per quanto concerne i farmaci del sistema cardiovascolare (i più consumati in Italia), i valori minimi di spesa si registrano nella P.A. di Bolzano (33,5 euro pro capite) e i valori massimi nella Regione Sicilia (55,4 euro pro capite). Dal lato dei consumi, si passa dalle 337,5 dosi giornaliere per mille abitanti della P.A. di Bolzano alle 537,6 della Regione Umbria. Per quelli dell’apparato gastrointestinale la spesa pro capite regionale è compresa in un range che oscilla tra i 12 euro pro capite della P.A. di Bolzano e i 37,9 euro pro capite della Regione Sicilia.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE