PartannaLive.it


Gibellina: la Fondazione Orestiadi aderisce alla “Giornata del Contemporaneo”

Gibellina: la Fondazione Orestiadi aderisce alla “Giornata del Contemporaneo”
03 ottobre
10:36 2013

Giornata del contemporaneo
Fondazione Orestiadi, Baglio Di Stefano, Gibellina (TP)
Vernissage sabato 5 ottobre 2013 ore 17,30
La mostra sarà visitabile fino al 3 novembre 2013
Orari: da martedì a domenica dalle 9:00 alle 13:00; dalle 15:00 alle 18:00

Giornata del contemporaneoLa Fondazione Orestiadi di Gibellina (Tp) aderisce alla Giornata del Contemporaneo, promossa dalla Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani (AMACI) e prevista Sabato 5 Ottobre.

Protagonisti di tale evento saranno gli artisti: Sergio Tumminello con la personale Tanit Terra Madre a cura di Achille Bonito Oliva, alcuni artisti calabresi di nascita o di adozione  con la collettiva “Oltre il ponte: artisti dalla Calabria” a cura di Fabio De Chirico, l’artista Carlo La Monica con la mostra di gioielli Arcaica e i ragazzi del corso di laurea in disegno industriale dell’università di Palermo con Interaction design per i Beni Culturali. Dalla narrazione alla user experience a cura di Enzo Fiammetta e Francesco Monterosso.

Il direttore della sezione arti visive delle Orestiadi di Gibellina, Achille Bonito Oliva, così descrive l’artista Sergio Tumminello: “Il “territorio Tumminello” è il giardino geometrico della visione,depurato da ogni ostacolo e portato nella condizione orizzontale di una immagine lampante, esposta fino al limite dell’impietosa esibizione. Esso implica un piano ampio per la visione, da cui è possibile spaziare impunemente con lo sguardo, fino a sorvegliare i confini ultimi, l’orizzonte oltre cui tramonta il sole e inizia il mare verticale del nulla, dove l’occhio affonda senza riuscire più a carpire altre notizie. L’arte dunque è il gesto dell’artista che si applica a coltivare l’esercito dei suoi desideri, la sistemazione definitiva della torre di ogni controllo […]Sergio Tumminello cerca stoicamente di misurare il proprio deserto, di raffigurare l’infinitezza mediante la possibilità di rappresentare la misura aurea della sua profondità”.

La mostra Oltre il ponte a cura di Fabio De Chirico vedrà partecipi nove artisti calabresi quali: Domenico Cordì, Domenico Donato, Sebastiano Dammone Sessa, Gianfranco Grosso, {movimentomilc}, Angela Pellicanò, Shawnette Poe, Nicola Rotiroti, Claudia Zicari.

E’ nell’intento della Fondazione, aprire una finestra sulla produzione artistica di questa regione, che condivide con la Sicilia vicende, storia, ma anche criticità contingenti.

A proposito dei gioielli Carlo La Monica sottolinea: “Le piccole imperfezioni di questi preziosi sono da considerarsi non un difetto bensì “impronte digitali” che rendono il manufatto unico, come del resto unica sarà la persona che ne verrà in possesso.”

Per quanto riguarda Interaction design per i Beni Culturali. Dalla narrazione alla user experience a cura di Enzo Fiammetta e Francesco Monterosso si tratta di Progetti di applicazioni e artefatti digitali del Laboratorio di disegno industriale III sui Beni Culturali siciliani.

La mostra è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria e con Caleca Italia di Patti. Lo stesso pomeriggio sarà possibile  visitare la collezione permanente d’arte contemporanea al Granaio dove è in mostra  tra le opere dei grandi maestri, l’installazione Il “ Tappeto Volante” degli  Stalker”.

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE