PartannaLive.it


Gibellina: tagliati 69 alberi di eucalipto, scatta la protesta e il sindaco si difende

Gibellina: tagliati 69 alberi di eucalipto, scatta la protesta e il sindaco si difende
13 febbraio
15:53 2014
Rosario Fontana

Il Sindaco Rosario Fontana

Indignazione e rabbia è ciò che si registra a Gibellina per l’ennesimo danno perpetrato nei confronti del verde pubblico. Sono 69 gli alberi di eucalipto tagliati alla radice nel giardino dell’orto botanico e in quello del plesso della scuola di San Francesco. Un valore storico e affettivo per gli alberi di quest’ultima zona, piantati dagli studenti negli anni ‘80. Una situazione incresciosa e difficile da mandar giù soprattutto dopo lo stravolgimento dell’arredo urbano palmifero con la morte di circa 800 palme a causa, sembra, di mancati interventi di prevenzione e cura della minaccia del punteruolo rosso.

Netta la risposta del sindaco Rosario Fontana sulla vicenda: “L’iniziativa è stata portata avanti dall’ufficio tecnico a mia insaputa. Ho chiestocontinua il Sindacouna relazione dettagliata per l’iniziativa messa in essere, dalla quale si evinca la metodologia e la necessità d’intervento, nonché quali siano state le persone autorizzate ad operare per l’abbattimento degli alberi di eucalipto. Nell’attesa mi è stato comunicato che l’iniziativa è dovuta a ragioni di sicurezza e di protezione civile, e che per evitare ipotesi di infortunio è previsto che all’interno di aree pubbliche non vi siano alberi di alto fusto. Ho manifestato il mio disappunto sulla vicenda e mi riservo di prendere i giusti provvedimenti qualora si riscontri nell’abbattimento effettuato, una manovra ingiusta ed efferata”.

A Gibellina la soppressione del verde pubblico, non è al primo episodio. “Nel corso degli annicome specifica il consigliere Antonino Plaiavi è stato un abbattimento scellerato di circa 230 alberi, a cui è seguito il taglio di un albero di Acacia di fronte il circolo cacciatori, un grosso carrubo in via Gentile e degli alberi del cimitero di memoria storica e affettiva. Oltre al danno perpetrato all’estetica della città potremmo parlare anche di danno economico. È giusto che a noi cittadini venga detto dove è finita la legna ricavata. Se la legna fosse venduta potremmo riutilizzare i fondi per nuove la piantumazioni”.

(Fonte: Gds.it)

 

Commenta qui:

Vuoi essere informato sulle ultime notizie del giorno e ricevere tutti gli aggiornamenti sui fatti del tuo territorio?

Metti "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook oppure "Segui @Partanna_Live" su Twitter.

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Gli amici dell’AVIS Partanna:

ARCHIVIO DELLE NOTIZIE